A Naro sabato 3 e domenica 4 ritorna il colossale musical sulla vita di San (Padre) Pio da Pietrelcina

3417_10151194427751017_2065962844_nNaro, ore 15:15 Usare il termine COLOSSAL per definire il musical Il sogno di un Re, non è un esagerazione giornalistica, ma è realmente quello che gli spettatori avranno modo di vedere.Dopo la straordinaria esperienza avuta durante lo scorso mese di gennaio, con un numero impressionatene di spettatori, più di 2400, i contemlAttivi hanno rivisto e modificato il musical che li sta facendo conoscere in giro per la nostra provincia.Questa volta i ContemplAttivi, hanno deciso di superare loro stessi, mettendo sulla scena un musical che veramente farà parlare e sarà ricordato come una delle più grandi opere teatrali mai realizzati a Naro e non solo. Il musical che porta come titolo “Il Sogno di un Re” racconta la vita di uno dei santi del nuovo millennio, stiamo parlando di Padre Pio da Pietrelcina, il frate con le stigmate.Una carrellata di musica, teatro, balli ed emozioni che partendo da quando Francesco Forgione, questo era il nome di battesimo di Padre Pio, era bambino. La dura separazione dalla madre, l’ingresso in convento, le lotte con il demonio, le stigmati, l’arrivo a san Giovanni, i problemi con il Santo Uffizio, la costruzione della Casa sollievo della Sofferenza, fino ad arrivare alla morte. Massimiliano Arena, responsabile del gruppo de i contemplAttivi,  ci racconta che IL SOGNO DI UN RE, non è altro che il risultato di anni di lavoro e di preparazione, da 4 anni che lavoriamo al testo e alle canzoni, lo stesso Arena che ha curato la regia e la direzione artistica di tutto il progetto, ci tiene a sottolineare che il merito di tutto quello che vedremo è da dividere con tutti i componenti del gruppo, ma in particolare è giusto nominare chi in questi anni ha reso possibile tutto questo, Valentina Avanzato e Maria Rita Iacolino che lo hanno assistito nella regia, Paolo Contrino che ha realizzato le basi musicali, Lidia Puma e Vincenzo Spadaro che hanno curato il canto, il coreografo Gero Brucculeri che ha realizzato le coreografie, Vincenzo Bordino e Paolo Contrino che hanno realizzato le scenografie, Alfonso Marchica che ha curato la regia degli stacchi teatrali e tutti gli altri che nel silenzio del retro palco hanno lavorato affinché un sogno sia diventato realtà. Per dimostrare la colossalità del musical, diamo qualche numero… 4 anni di preparazione, quasi un anno di lavorazione, sul palco di 180 metri quadri si alterneranno più di 70 tra ballerini, attori e cantanti, le canzoni sono 23, 6 stacchi teatrali. I ContemplAttivi stanno portando in giro per tutta la provincia di Agrigento questo opera, riscuotendo in tutte le piazze e i teatri grande successo sia di pubblico che di critica. Non possiamo finire quest’articolo senza parlare de I ContemplAttivi… straordinario gruppo di Naro, che ha fatto una scelta artistica netta e forte, cioè quello di fare evangelizzazione tramite il teatro, il Sogno di un Re è l’ultimo dei loro  lavori, ma possiamo ricordarne alcuni, da Forza Venite Gente a l’Atteso, passando per il Risorto e non possiamo non citare che questo stesso gruppo ha realizzato nei due anni scorsi le due più grandi edizione di Martuoriu mai realizzate a Naro.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti