Agrigento, Il bluff delle primarie del centrosinistra

zambito lo bello ciminoAgrigento, 31 gennaio 2015 ore 17:18 – Potrebbe sfumare l’ipotesi delle primarie nel centrosinistra. La coalizione “Agrigento 2020” potrebbe decidere di scegliere il candidato sindaco, in maniera unitaria e condivisa, attorno ad un tavolo. Lo conferma il coordinatore del Partito democratico, Peppe Zambito. “Una cosa è certa – spiega il presidente della coalizione che abbraccia diversi movimenti: Pdr, Sicilia democratica ex Articolo 4, Megafono, Voce siciliana e Patto per il territorio: la data del primo febbraio entro la quale presentare le candidature slitterà di 10 giorni. Questo a causa degli impegni dei parlamentari nazionali del Pd chiamati ad eleggere il presidente della Repubblica. Ed in questi 10 giorni – aggiunge Zambito – potrebbe accadere di tutto”. Stasera si terrà un incontro per valutare l’allargamento del tavolo ad alcune liste civiche che hanno chiesto di entrare. Se non si faranno le primarie il Patto potrebbe uscire dal tavolo. “Noi siamo convinti – spiega il coordinatore del Patto, Piero Macedonio – che il metodo migliore per la scelta del candidato sindaco sia quello delle primarie. A meno che non ci sia un candidato al di sopra dei partiti così illuminato su cui convergere. Solo in questo caso possiamo evitare le primarie, ma io non credo che sia possibile.