Agrigento, La Provincia coi conti in regola. Avanzo di amministrazione per 21 milioni di euro

Agrigento, ore 18.34 La giunta provinciale, presieduta da Eugenio D’Orsi, ha approvato il rendiconto finanziario del 2012, che passerà adesso al vaglio del Consiglio. I conti della Provincia sono risultati a posto ed è stato rilevato un avanzo di amministrazione di oltre 21 milioni di euro (21.507.889 euro per la precisione). Di questi, i fondi vincolati ammontano a 185.254 euro. Il conto del Bilancio partiva da una situazione iniziale di cassa di 11 milioni 684 mila euro, (registrata al primo gennaio 2012) a cui si sono aggiunti 51.724.311 euro di riscossioni. I pagamenti sono stati fatti nella misura di 61.308.882 euro, per cui il fondo di cassa al 31 dicembre scorso era di 2.099.749 euro. La differenza tra residui attivi e passivi è invece di 19.497.990 euro, per cui l’avanzo di esercizio è pari, come detto, a 21 milioni e mezzo di euro. Il conto economico risulta in negativo di 8.964.001 euro. Così ricavato: proventi di gestione per 43.769.681 euro, costi di gestione per 49.525.890 euro, con una differenza di meno 5.756.209 euro. Alle aziende partecipate è stata trasferita la somma di 1.004.000 euro, mentre gli interessi passivi ammontano a 400.768 euro. Solo 15 mila euro gli interessi attivi. I proventi straordinari ammontano ad 8.907.528 euro, mentre gli oneri straordinari hanno inciso nella misura di 10.725.646 euro. La somma di tutto ciò fa registrare il saldo negativo di quasi 9 milioni di euro. Infine il conto del Patrimonio che si chiude obbligatoriamente a pareggio, è così composto: nella voce “Attivo” ci sono Immobilizzazioni per 312.017.183 euro, crediti per 111.476.915 euro, disponibilità liquide per 2.099.749 euro e ratei e riscontri attivi per 797.223 euro. Per un totale pari a 426.391.071 euro. Nella voce “Passivo” c’è invece un patrimonio netto di 355.732.090 euro, conferimenti da trasferimenti in conto capitale per 45.433.460 euro, debiti per 25.225 euro e ratei passivi pari a zero. Secondo i parametri obiettivi di rilevazione delle condizioni di deficit aggiornati dal ministero dell’Interno, l’amministrazione provinciale, alla data del 31 dicembre 2012 non si trova in condizioni strutturalmente deficitarie, quindi la Provincia ha i conti in regola. Inoltre l’ammontare delle disponibilità liquide è certificato grazie alla corrispondenza dei dati contenuti nelle scritture contabili.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti