Agrigento, L’Ex Provincia trova 100 mila euro per rimuovere l’amianto

messa sicurezza amianto (11)Agrigento, 10 gennaio 2015 ore 8:55 – L’ex Provincia mette a disposizione i fondi per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti speciali in discarica, prelevati da discariche non autorizzate nei pressi di strade di competenza dell’ente. Approvato dal commissario straordinario, Alessandra Di Liberto, il capitolato d’appalto per una somma di 100 mila euro. La legge ha stabilito che le Province sono tenute a svolgere i servizi accessori e secondari, come la pulizia delle pertinenze delle proprie strade ingombrate da rifiuti abbandonati di qualsiasi natura compresa la raccolta dell’amianto. Rosolino Elio Chibbaro, funzionario del settore Patrimonio e ambiente è stato nominato “Responsabile del Procedimento e Verificatore dei lavori”. Il quadro economico del progetto è così ripartito: per lavori a base d’asta 85.500 euro con la deduzione del costo della manodopera non soggetta a ribasso per 5.500 euro ed oneri di sicurezza non soggetti al ribasso per 1.710 euro. Gli importi da assoggettare a ribasso d’asta ammontano a 78.290 euro. Somme a disposizione dell’amministrazione: 8.550 euro per Iva; competenze tecniche (2% ) 1.710 euro; imprevisti per 740 euro. Al gruppo di progettazione andranno 500 euro mentre il tributo per conferimento in discarica è di 3.000 euro. Le somme sono state inserite in Bilancio tra gli “Interventi di risanamento ambientale proprietà provinciali”. “La natura dei lavori – si legge nella delibera – assume aspetto essenziale per la salvaguardia delle strade di proprietà provinciale, soggette continuamente ad abbandono di rifiuti di ogni genere, con l’obiettivo di evitare il conseguente degrado ambientale causato e perpetrato da ignoti”.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti