Agrigento, Nasce la coalizione di Centrosinistra allargata: ma è polemica

zambito lo bello ciminoAgrigento, lunedì 22 dicembre 2014 ore 13:30 – Le “primarie” come collante per una coalizione eterogenea. Chi è d’accordo alzi la mano, ha detto il Partito democratico di Agrigento. Ed all’invito hanno risposto. Sicilia democratica (che fa capo al deputato regionale Totò Cascio), il Pdr e Voce siciliana di Michele Cimino, il Megafono (con Mariella Lo Bello) e l’associazione “A viso aperto” di Enzo Campo. Tutte queste forze politiche hanno costituito la coalizione “Agrigento 2020” che nasce per affrontare insieme le amministrative del 2015. Una coalizione già di per se connaturata nell’alveo del centrosinistra, che però apre al Patto per il territorio (creatura politica di Riccardo Gallo e Piero Macedonio) ed all’Udc. Ma mentre il Patto, tramite Macedonio si dice disponibile a “trattare” se si mettono in primo piano le primarie, (interne e di coalizione), qualche mugugno nasce nella lista che dovrebbe appoggiare, in caso di candidatura a sindaco, l’onorevole Lillo Firetto. Se da una parte il segretario del Pd, Peppe Zambito, annuncia che “L’incontro è servito per delineare i nuovi confini della coalizione, accogliendo il movimento “Patto per il Territorio” e la lista che fa capo all’onorevole Lillo Firetto che avevano manifestato la volontà di aderire al progetto”, dall’altro lato arriva la smentita del sindaco di Porto Empedocle che ricorda a tutti, almeno per il momento, di non essere in corsa per Palazzo dei Giganti. Peppe Zambito, quindi si precipita a precisare che “La richiesta di adesione alla coalizione “Agrigento 2020” da parte della lista Firetto è pervenuta tramite Pino Licata”. “Allo stesso – dice il segretario del Pd – ho spiegato con chiarezza che le primarie di coalizione sono lo strumento stabilito per la scelta del candidato sindaco. Scelta ribadita con fermezza, dall’intera coalizione e sulla quale non intendiamo retrocedere”. Zambito non chiude però la porta all’Udc e a Firetto. “Entro fine anno un ulteriore incontro della coalizione, comprendente anche la Lista Firetto, chiarirà definitivamente qualche “difetto di comunicazione”. Nel frattempo, nella mia qualità di coordinatore di “Agrigento 2020”, sto provvedendo a trasmettere a tutti i componenti la bozza del regolamento per lo svolgimento delle primarie”. Le elezioni primarie si svolgeranno ai primi di febbraio. Se questa “coalizione” resisterà ci potrà essere in campo un maxi schieramento di forze politiche che si pone come alternativa al Nuovo centrodestra di Alfano ed al Partito dei siciliani ex Mpa dell’onorevole Di Mauro, non coinvolti in questa operazione portata avanti dal Pd.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti