Agrigento, Stanziati 600 mila euro per il funzionamento del Consiglio provinciale

Agrigento, ore 19.11 Quasi 600 mila euro. E’ la somma che la Provincia ha stanziato per le indennità di carica, gettoni di presenza e rimborsi vari che garantiscono il funzionamento del Consiglio da gennaio a giugno. La spesa più consistente è quella dei gettoni di presenza, ed assorbe più della metà della manovra. Infatti è di 340 mila euro l’impegno della Provincia per la liquidazione ed il pagamento dei gettoni da corrispondere ai consiglieri, a cui si aggiunge la somma di 2.100 euro per la liquidazione dell’Irap a carico dell’ente. Per l’indennità di funzione spettante al presidente del Consiglio provinciale, Raimondo Buscemi, è stata stanziata la somma di 24 mila euro di cui 22.100 per la mansione (da gennaio a giugno) e 1.900 euro per il pagamento dell’Irap. Infine altri 700 euro sono stati preventivati per la liquidazione della quota forfettaria a carico della Provincia, sempre per i primi 6 mesi dell’anno, in favore del presidente del Consiglio, Raimondo Buscemi che va a gravare sul capitolo “Oneri previdenziali dei consiglieri”. C’è una spesa, inoltre, che la Provincia sostiene per il rimborso degli oneri spettanti ai datori di lavoro dei consiglieri a causa delle assenze dall’attività professionale per permettere l’attività politica. In questo caso la Provincia ha preventivato, per sei mesi, la somma di 193 mila euro. Altri 70 mila euro sono stati stanziati per il rimborso, ai consiglieri, delle indennità chilometriche. Più di 10 mila euro al mese per il rimborso carburante. Molto inferiore è la somma stanziata per il rimborso carburante agli amministratori provinciali (10 mila euro). Scarsa la disponibilità per le indennità di missione non ispettive dei consiglieri provinciali. Una dotazione di appena 1.110 euro per il primo semestre 2013.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti