atletico campobello argyrium

Campobello C5 all’Argyrium 8 polpette

Campobello di Licata, ore 20:25 Una grande vittoria del gruppo. Pressing e velocità le mosse vincenti. Finalmente è la prima parola che è venuta in mente a tutti al termine della gara contro l’Argyrium, dopo due mesi finalmente una vittoria tra le mura amiche, era da tanto, troppo tempo e le occasioni non erano di certo mancate. Il periodo nero di vittorie casalinghe si interrompe così, come meglio non poteva essere, con una vittoria convincente e meritata, con una prestazione all’altezza fatta di pressing a tutto campo e ripartenze, buona difesa e gestione intelligente della fase offensiva. Una partita, condotta magistralmente e con un collettivo che ha saputo sfruttare tutte le occasioni che gli sono capitate; nel secondo tempo, l’Atletico Campobello ha allungato le distanze riuscendo a pervenire alla vittoria finale. Assente perché febbricitante Di Rosa, la gara, ha avuto storia forse per venti minuti, cioè fino al raddoppio campobellese firmato da Davide Guarneri, migliore in campo. Ma oltre a Guarneri i protagonisti della giornata sono stati i centri di quasi tutto il collettivo campobellese, Fortino (2), Ilardo, Paci, Rinallo e Giuliana. Il cammino intrapreso è quello giusto, dichiara mister Jack Giardina. I continui miglioramenti oggi sono quanto mai evidenti. Noi siamo consapevoli di non essere inferiori a nessuno e di essere sull’ottima strada. Inizia un’altra settimana,  – continua Giardina –  e anche questo travolgente 8 a 0 farà parte del passato. Il segreto di chi vuole arrivare alla salvezza è non girarsi per guardare ciò che ha già ottenuto, ma guadare sempre avanti, alle prossime partite che l’attendono. Questa vittoria – dichiara il direttore Generale Sebastiano Caizza  – è frutto di tanto lavoro e di tanti sacrifici che sia la società in primis come anche i giocatori stanno facendo. L’importante – continua Sebastiano Caizza – è sempre stare con i piedi per terra, non sottovalutare mai nessun avversario e restare sempre umili. Finalmente una buona prestazione a cui è seguito un buon risultato ma il difficile deve ancora arrivare. Sabato ci aspetta la difficile trasferta di Agrigento con l’Athena ma con questo spirito anche lo scoglio più insormontabile adesso appare meno impervio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *