Campobello, il Pd chiede una disinfestazione straordinaria nelle aree dove si sono accumulati i rifiuti

Campobello di Licata, ore 10:35 Il Consigliere Sferrazza, a nome di tutto il Gruppo consiliare del PD, ha inviato una lettera al Sindaco per chiedere un intervento di disinfestazione straordinario delle aree dove si sono accumulati i rifiuti in tutti questi giorni, come la via Allende, ma anche un intervento di igienizzazione dei cassonetti.

I rifiuti come sappiamo sono rimasti sia a terra che nei cassonetti per alcuni giorni ragion per cui sia all’interno dei cassonetti che nell’area è presente un odore insopportabile.

Domani con tutta probabilità, per dare seguito alle dichiarazioni dei giorni scorsi, il gruppo del PD presenterà una mozione che, se approvata, dovrà essere inviata anche alla Procura regionale della Corte dei Conti della Sicilia per l’accertamento dei responsabili e del danno erariale scaturito dalla mancata realizzazione della 4^ vasca nella discarica di Campobello.

Per l’ennesima volta è stata rinviata l’Assemblea della Dedalo ed ancora non si riesce ad approvare quel famoso piano industriale che comporterebbe un risparmio cospicuo per la Comunità di Campobello ed a cui tutti abbiamo lavorato.

Il capogruppo sottolinea che se i numeri in Assemblea riporteranno la procedura del calcolo del costo del servizio in funzione della popolazione e non dei rifiuti conferiti è necessario far notare che la prima conseguenza deve essere la richiesta di dimissioni del liquidatore anche perché lo stesso è stato eletto lo scorso 27 gennaio con delle precise direttive tra le quali anche il cambio del metodo del calcolo del costo del servizio.

A proposito delle direttive il Capogruppo ricorda che vi era l’impegno a verificare e controllare ogni tre mesi l’andamento economico-finanziario della società, i tre mesi sono passati ed è opportuno sapere se tutto ciò è stato fatto e se è stato consegnato quel famoso bilancio intermedio alla data del passaggio dalla gestione ordinaria a quella liquidatoria nonchè le motivazioni per cui non è stato ancora predisposto il bilancio 2010 della Dedalo.

Tra le direttive c’era anche l’organizzazione e l’incremento del servizio di raccolta differenziata. Sul punto si segnala che da diversi giorni i CAM nei vari Comuni sono chiusi perché a quanto pare risulterebbero non a norma mentre nulla o poco è stato fatto per l’avvio concreto della raccolta differenziata e nulla di buono ci aspetta nelle prossime settimane anche perché degli otto progetti presentati dalla Dedalo alla Regione per un importo di quasi 9 milioni di euro solo uno, che prevede l’acquisto di mezzi ed attrezzature per la raccolta differenziata di 675 mila euro, risulterebbe ammissibile per come si evince dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria.

Infine il Capogruppo chiede di sapere a che punto è il progetto relativo al 1° stralcio per la Messa in Sicurezza della discarica e se per il finanziamento del progetto complessivo di Messa in Sicurezza è stata trovata una soluzione atteso che il problema non può essere risolto solo con i soldi accantonati dal Comune nel corso degli anni ma deve trovare copertura finanziaria anche dagli altri Comuni dell’Ambito AG3.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *