Campobello, Ultimo giorno da sindaco per Termini? Stasera si discute la sfiducia

Campobello di Licata, ore 9:21 Oggi potrebbe essere l’ultimo giorno da sindaco per Michele Termini. Stasera, con inizio alle 19, infatti, il Consiglio comunale sarà chiamato a votare la mozione di sfiducia sottoscritta da 13 consiglieri appartenenti ai gruppi del Pd, Mpa e Fli. Tanti voti quanti ne servono per approvare il documento di sfiducia e mandare sindaco, giunta e lo stesso Consiglio comunale a casa. Già martedì sera si sono fatte le prove generali della sfiducia. Con Mpa e Pd che hanno votato assieme per l’elezione dei componenti del collegio dei revisori contabili. Sono risultati eletti Antonio Piro (sostenuto dal Mpa e grazie al voto del Pd ha ottenuto anche la presidenza del collegio), Leonardo Corbo (sostenuto dal Pd) e Antonio Pitruzzella (per l’Udc che sostiene il sindaco Michele Termini). Pitruzzella, in passato ha ricoperto il ruolo di assessore comunale con Termini. Su proposta del capogruppo del Partito democratico, Giuseppe Sferrazza, è stato stabilito anche il compenso per i revisori. Nessuna proposta era stata fatta dall’amministrazione comunale tramite i dirigenti (quindi si sarebbe dovuto applicare il tariffario massimo di 8.200 euro annui per componente più il 50 per cento che spetta al solo presidente) mentre su input del Pd è stata votata la soluzione di risparmio di 700 euro. Quindi ai due componenti: Corbo e Pitruzzella andrà un corrispettivo di 7.500 euro annui, ed al presidente Piro una parcella di 11.250 euro. Il sindaco Termini ha assistito alla seduta dell’assemblea comunale praticamente in devoto silenzio. Nessuna parola, nessun accenno alla mozione di sfiducia. Niente di niente. Anche ieri il sindaco ha voluto mantenere un profilo basso osservando un silenzio quasi religioso. Di certo qualche manovra la sta studiando. Saltato il tavolo regionale del Terzo polo, con l’Udc (partito a cui Termini ha aderito), che è uscito dalla maggioranza del governatore della Regione, Raffaele Lombardo, l’unica carta che il sindaco potrà giocarsi è quella di riacquistare la fiducia del gruppo Fli. I due consiglieri di Futuro e libertà, che fanno parte dalla coalizione di maggioranza, Michelangelo Sciortino e Lillo Grova, hanno però sottoscritto la sfiducia e sono pronti anche a votarla. A meno che non ci siano ripensamenti. L’esito non è comunque scontato. Oltre a Grova e Sciortino a sottoscrivere il documento di sfiducia, messo ai voti dal presidente Giuseppe Vinci: sono stati: Giuseppe Sferrazza, capogruppo Pd, assieme agli altri componenti, Giovanni Picone, Giovanni Falsone e Maria Rita Turco, ed ancora il capogruppo Mpa Angelo Intorre assieme ai componenti: Salvatore Gammacurta, Salvatore Rizzo, Santina Accascio, Calogero Montaperto, Giovanni Puntarello e lo stesso presidente dell’assemblea Giuseppe Vinci. Stasera si saprà se tutti e 13 voteranno la sfiducia aprendo le porte al commissariamento del Comune di Campobello.

Lascia un Commento

Articoli recenti