Canicattì, Denunciati 11 falsi indigenti

Canicattì, ore 15:05 La guardia di finanza di Canicattì,  è riuscita a stanare i soliti “furbetti” che distraggono – senza averne titolo – le ridotte risorse economiche destinate alle categorie disagiate, vale a dire,  aiuti economici e servizi sociali di assistenza spettanti ai cittadini che ne hanno diritto in relazione alla loro condizione economica e sociale. In concreto,  gli investigatori delle “fiamme gialle” esaminando preliminarmente una serie di informazioni tratte dalle banche dati in uso al corpo ed aver eseguito i necessari riscontri documentali sono riusciti a ricostruire in modo analitico l’effettiva situazione reddituale e patrimoniale dei vari nuclei familiari che hanno usufruito dei benefici. Nel corso dell’attività sono emerse autocertificazioni irregolari in cui venivano indicati redditi sensibilmente inferiori a quelli reali, ovvero venivano del tutto od in parte omessi i patrimoni mobiliari ed immobiliari posseduti. Le principali violazioni sono legate a richieste per ottenere contributi relativi a variegati servizi sociali, in particolare: borse di studio, alloggi gratuiti e servizi mensa senza compensi. Gli 11 soggetti scoperti, residenti nei comuni di Canicatti’, Racalmuto, Camastra, Ravanusa e Campobello di Licata, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico. Nei loro confronti sono già state avviate le procedure per la revoca dei benefici illegittimamente ottenuti. Il servizio si inquadra nell’ambito delle linee d’azione strategiche dettate dal comando generale del corpo, finalizzate  da un lato a contenere  l’irrefrenabile  emorragia di indebite percezioni di contributi pubblici, dall’altro a tutelare i principi di solidarietà e giustizia sociale salvaguardando chi abbia veramente bisogno.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti