Canicattì, Lorenzo Li Calzi nuovo presidente della “ASD PGS Domenico Savio”

 

Canicattì, ore 11:40 Giornate intense per la ASD PGS Domenico Savio dal punto di vista dirigenziale, Lo Bue dopo 12 anni di presidenza e tante soddisfazioni lascia la presidenza a favore di Lorenzo Li Calzi. Indimenticabili gli anni di Lo Bue dove la PGS ha vinto numerosi titoli regionali e nazionali, per memoria ricordiamo la storica finale nazionale 2004 a Torino dove  la PGS arrivò al terzo posto. La ventata d’aria nuova è stata decisa per iniziare un nuovo ciclo generazionale. I giovani impegnati nel sociale a Canicattì, vogliono essere protagonisti del volontariato per mezzo dello sport. Dopo l’accettazione della carica di presidente da parte di Li Calzi si è reso d’obbligo il rinnovamento del direttivo e del consiglio. Il nuovo direttivo è così formato:  vicepresidente Biagio Tringale, tesoriere Lo Bue Salvatore, segratario Agostino Guccione, direttore tecnico Cesare Calabrò. Nella dirigenza  sono entrati nuovi volti, alcuni ex atleti della Domenico Savio: D’angelo, Di Natale, Rampello, Moncado, Giordano e Sanfilippo. Lo staff sanitario continuerà ad essere guidato dal dott. Giuseppe Ferraro. Con l’aria di rinnovamento, speriamo che Canicattì ritrovi il ritmo giusto per dire che il volontariato anche nello sport continua ad esistere. Intanto sul fronte palazzetto dello sport non si muove nulla. L’amministrazione dopo mesi e continue sollecitazioni non degna ne di incontri, ne di risposte la dirigenza. Il palazzetto comunale di c.da Giarre, pieno d’attività non da spazio. Il palazzetto “Saetta-Livatino” continua ad essere un mistero del perché è inagibile per il calcio a 5. “Unico rammarico” esprime il direttore tecnico Calabrò “non capire il perché ci vengano preclusi questi impianti, per poi vedere che nel nuovissimo palazzetto si può solo praticare il basket e la pallavolo”. “Gli impianti comunali devono essere della comunità di Canicattì e non dei privilegi per pochi. Questi impianti sono diventati strutture pubbliche utilizzate come se fossero private”.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti