Si alla realizzazione di altre sale operatorie e alla risonanza magnetica

Canicattì ore 10:00 Si lavora al potenziamento dell’ospedale Barone Lombardo di Canicattì. L’annuncio al sindaco Vincenzo Corbo è stato dato dal nuovo commissario dell’Asp di Agrigento, Salvatore Messina. Nelle prossime settimane, per quanto riguarda la struttura sanitaria di contrada Giarre si avranno i lavori di realizzazione di altre sale operatorie visto che al momento l’ospedale ne possiede solo una dove vengono effettuati interventi chirurgici e anche parti, verranno potenziati i macchinari (soprattutto nel reparto di chirurgia) e sarà finalmente installata la risonanza magnetica. Inoltre la struttura sarà dotata di un mammografo. Ma c’è di più sarà istituito il Pta a livello ambulatoriale che servirà a snellire notevolmente il lavoro che viene svolto all’interno della struttura sanitaria evitando l’intasamento di utenti all’interno dei vari reparti. Il Piano sanitario regionale approvato all’Ars, di fatto, ha lasciato invariati i servizi offerti dal Barone Lombardo ma anzi ha previsto un aumento di 16 posti all’interno del reparto di lunga degenza. Inoltre, buone notizie arrivano anche per i comuni dell’hinterland canicattinese perché saranno potenziati i servizi offerti alla cittadinanza. «Credo – ha detto il sindaco Vincenzo Corbo – che la notizia data dal Commissario straordinario dell’Asp di Agrigento non possa far altro che riempire di gioia e soddisfazione tutta la cittadinanza. In un momento in cui – aggiunge il capo dell’Amministrazione Comunale – si parla di tagli alla Sanità in Sicilia, per Canicattì è arrivata una notizia sicuramente positiva che riguarda l’ampliamento dei servizi offerti dal nostro ospedale e soprattutto dalla sanità a livello territoriale. Ovviamente – aggiunge Vincenzo Corbo – ci sono altri interventi da fare ma gradualmente penso che saranno effettuati facendo diventare il “Barone Lombardo” un centro all’avanguardia nel panorama della sanità agrigentina e delle province vicine». Ogni anno, infatti, sono oltre centomila gli utenti che si servono della struttura sanitaria di Canicattì. Infatti, il Barone Lombardo si trova in un punto strategico a cavallo delle province di Agrigento e Caltanissetta e parecchi utenti giungono a Canicattì da comuni dell’hinterland come Delia, Sommatino, Serradifalco, Montedoro e Riesi. Inoltre da sempre è stato punto strategico per la vicinanza della statale 640 Agrigento- Caltanissetta teatro di incidenti spesso mortali ed oggi interessata dai lavori di raddoppio che la miglioreranno dal punto di vista della sicurezza e della percorribilità.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti