Canicatti,in libertà Gaetano Milana coinvolto nell’operazione Strike

Canicattì ore 8:55 Ritorna in libertà Gaetano Milana 22 anni di Canicattì arrestato nell’ambito dell’operazione «Strike» condotta dagli agenti del locale commissariato coordinati dal vice questore Corrado Empoli. La decisione è stata adottata ieri mattina dal Gip del Tribunale di Agrigento Valerio D’Andria davanti al quale si sono svolti una serie di interrogatori di persone coinvolte in questa inchiesta. Interrogatori, che hanno preso il via ieri mattina e che proseguiranno anche oggi. Gaetano Milana – difeso dagli avvocati Giovanni Salvaggio e Giuseppe Giardina – nel fascicolo era originariamente indagato a piede libero, ma era finito in carcere perché nel corso di una perquisizione, nella stessa notte del blitz, i poliziotti gli avevano sequestrato 25 grammi di hashish. Adesso invece avrà soltanto l’obbligo di firma. Per il resto, ieri mattina, la maggior parte delle persone finite in carcere sentite dai Gip di Palermo, Caltanissetta ed Agrigento si sono avvalse della facoltà di non rispondere. Tutto questo perché i loro legali di fiducia vogliono prima leggere bene le accuse che vengono mosse dalla Procura di Agrigento. Tutti gli arrestati comunque devono essere sentiti entro oggi perché scadranno le 48 ore della notifica delle ordinanze di custodia cautelare in carcere e potrebbero quindi tornare in libertà per decorrenza dei termini. Sono stati raggiunti da un ordine di custodia cautelare: Diego Paci, 29 anni, Giovanni Magro, 31 anni, Francesco Milanese, 27 anni, Vincenzo La Morella, 22 anni, Salvatore Carlo Sammartino, 23 anni, Giacinto Corbo, detto “Zzi Ginu”, 53 anni, Calogero Messina, inteso Rino, 29 anni, Giuseppe Falzone, 40 Giovanni Milana, 38 anniì, Rosario Comparato, 30 anni, di Canicattì, Salvatore Ragazzo, 26 anni, Daniele Avanzato, 26 anni, Mirko Messina, 22 anni, Ivan Napoli, 21 anni, Diego Cutaia, 29 anni, Filippo Cutaia, 23 anni, , Gaspare Facciponte, 36 anni. Tutti di Canicattì. Emanuele Giuseppe Garozzo, 31 anni, nato a Catania, residente a Misterbianco. Ed ancora Danilo Fazio, 35 anni, Luca Ivan Alaimo, 25 anni, Diego Scibetta, 37 anni, Vincenzo Mongitore, 27 anni, Diego Messina, 47 anni, Vincenzo Gioacchino Tiranno Hosni Ben Brahem, 29 anni, nato a El Haouaria (Tunisia), attualmente detenuto presso la Casa circondariale di Agrigento, Neji Kebaier, 22 anni, originario della Tunisia, Vincenzo Gioachino Tiranno, 31 anni, di Canicattì. Sebti Ouldj, detto “Kamel” 42 anni, nato a Zighoud (Algeria), domiciliato a Canicattì, Tutti gli imputati sono difesi dagli avvocati, Giovanni Salvaggio, Giuseppe Giardina, Calogero Meli, Diego Giarratana, Luisa Di Fede.
Il gruppo è accusato di avere messo a segno in città diversi episodi come rapine, furti, intimidazioni e danneggiamenti oltre ad essere coinvolti in un giro di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Complessivamente nell’inchiesta sono rimaste coinvolte 33 persone, 16 delle quali finite in carcere, 11 sottoposte al divieto di dimora e 6 indagate a piede libero.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti