Archivi per la categoria ‘Cronaca Agrigento’

RAVANUSA. La poesia-canto di G. La Marca premiata al Memorial Rosa Balistreri di Licata (di Silvio D’Auria)

LICATA (AG)  SCRITTO DA SILVIO D’AURIA  –   “Beddra Matri di lu Commentu”, di Girolamo La Marca, premiata domenica scorsa al Memorial Rosa Balistreri di Licata, manifestazione organizzata dal  Lions Club giunta alla sua 16° edizione. II canto religioso, il cui testo è nato originariamente per rimanere poesia,  è stato  eseguito da Dario Raia, alla chitarra, da Giuseppe Galifi, al flauto, e da Cristina Patti e Angelica Lentini,  le voci,  che insieme hanno regalato forte emozioni al pubblico.  Poesia-canto promossa da  Fra Graziano come  una sorta  di  dono prima del suo trasferimento da Ravanusa a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina.  Un  premio ottenuto davanti alla  platea gremita del Teatro “Re Grillo” di Licata, al termine della gara con cantanti di straordinario talento.

Premiati, durante la  cerimonia del Memorial licatese,  anche Francesco Romano e Mario Rizzo, poeti di Ravanusa, assieme a Salvatore e  Corinne Amico,  padre e figlia,  a cui è andato ex aequo  il primo posto. “Che dire? Un ringraziamento di cuore ai ragazzi  – sono le parole di gratitudine dell’autore Girolamo Marca – per la toccante esecuzione di  ‘Beddra Matri di lu Commentu’. Grazie a  Fra Graziano  per il ricordo che ci lascia e grazie anche al maestro Isa Paraninfo che ha creduto in questo mio testo diventato, a Ravanusa, inno non solo della comunità parrocchiale del Convento ma pure di quella cittadina”.                 (Sil.Dau)

CAMPOBELLO. A giorni i nuovi Assessori, parla il Sindaco Giovanni Picone (di Silvio D’Auria)

gIOVANNI pICONE

  • CAMPOBELLO DI LICATA (AG) – DI SILVIO D’AURIA.  Che fosse una crisi-lampo  si   era intuito  il  giorno dopo   la revoca   delle deleghe   assessoriali  ai componenti   la   Giunta:   a  Giovanni Falsone, ad Angela Carlino, a Marcello Terranova e a Salvatore Gammacurta.                                                                                                               Giovanni  Picone,     Sindaco  di   Campobello   di Licata, continua in queste ore a confermarlo  mentre gli aspri disappunti dell’opposizione fungono da sottofondo alle trattative che partoriranno in settimana la nuova compagine amministrativa.        “E’ necessario il rilancio dell’azione amministrativa” aveva subito detto il primo cittadino senza lasciarsi sfuggire una precisazione: “Completare il programma amministrativo scevro, però, da prospettive prettamente  elettorali… come qualcuno allude” dichiarazioni che   hanno assunto  la fisionomia di un vero e proprio “avvertimento”   politico alle  forze  consiliari.  Nessuna esclusa.

– Nel bel mezzo delle trattative con la coalizione che lo sostiene, per l’imminente formazione del nuovo esecutivo, Picone, non si sottrae alle domande iniziando dalle cause della revoca delle deleghe con cui ha azzerato la Giunta, il 24 agosto scorso. “È inutile negare  – dice –  che in   politica   quando  si   compie  un’azione  simile  c’è  sempre  un motivo   (…grazie per la precisazione, Gianni!).  Per me e soprattutto per i cittadini campobbellesi  è doveroso  si rilanci l’azione amministrativa di questi ultimi dieci mesi di mandato. Per qualcuno possono sembrare pochi ma per i tempi dettati dalla politica possono mutare in una infinità temporale. A questo punto ritengo opportuno intraprendere una seria riflessione politica”.                                                

– Infatti, alla fine della fiera chi partecipa a questa riflessione è il nodo cruciale che dovrà sciogliere il Sindaco: ” Le forze di maggioranza che mi sostengono, al fine di dipanare ogni dubbio. I soggetti politici e i partiti con i quali  dialogo  – sottolinea il primo cittadino  – sono sempre gli stessi… tranne  chi intraprende altre strade. Massima apertura, naturalmente, a coloro i quali hanno permesso di scongiurare il dissesto finanziario del Comune”.

– Decisi i nomi dei nuovi Assessori, sugli atti amministrativi che saranno assunti dopo la nomina, il primo cittadino impone già le prime indicazioni: “Le priorità e le azioni per rilanciare e completare il programma amministrativo lo deciderò  con la nuova Giunta che a breve nominerò. Ma sarà di fondamentale importanza che tutti, sin da subito, abbiano le idee chiare perché ognuno di noi avrà un obiettivo da raggiungere sino alla fine della consiliatura.  Per il rilancio, è doveroso nei confronti della cittadinanza non appiattirsi in una politica sterile e senza stimoli tipica delle consiliature di fine mandato. Per quanto mi riguarda così non sarà,  ritengo corretto  ribadirlo a priori”.

– Una nuova squadra che, salvo colpi di coda (…in politica non rappresentano certo una novità!), condurrà Campobello  alle Elezioni Amministrative della prossima primavera.  E’ già tempo di bilanci, seppur non definitivi, e nel resoconto di natura politico-amministrativa ci si trova davanti a un bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno.                                                                                                                     Ma Picone, che  in questi anni ha imparato bene la dialettica politica, sull’argomento non sembra scomporsi:  “Con molto equilibrio posso affermare di ‘restare in piedi’ – risponde risoluto il Consulente del Lavoro – Questo bicchiere è sicuramente pieno! Senza dubbio avrei voluto rispettare tutti i punti del Programma Elettorale che ci siamo prefissati ma i miei concittadini, che amano Campobello e che reputo persone intelligenti, hanno chiara la congiuntura economica per nulla positiva che ha contraddistinto a livello nazionale e regionale questi ultimi quattro anni. Essa ha rappresentato un fulmine sulla catena amministrativa più bassa ovvero sia l’Ente Comune, il più importante poiché a più stretto contatto con la gente. Non bisogna dimenticare che abbiamo dovuto intraprendere la strada del Piano di Riequilibrio Finanziario Pluriennale per evitare il dissesto del Comune per debiti in corso e soprattutto per quelli pregressi. A proposito, voglio ringraziare i Consiglieri Comunali che hanno dato la possibilità di avviarlo. Oggi il Piano è sotto la lente di ingrandimento del Ministero degli Interni e della Corte dei Conti”.

– Solo chi non sceglie e non agisce non sbaglia mai, quindi un Amministratore non può ritenersi immune da errori. Nessuna ombra in quattro anni alla guida della Città? Impossibile!: “Beh, scegliere universalmente è un’espressione positiva della volontà. Posso affermare con orgoglio che non rinnego e non mi pento delle scelte fatte durante questi quattro anni. ‘Solo gli stupidi non cambiano opinione’ (cit.) ed essendo convinto che non si smette mai di imparare e alla luce della mia esperienza di primo cittadino mi rimprovero per aver peccato grossolanamente nella ‘comunicazione’,  importantissima ai giorni nostri. Se gestita e interpretata  esternamente  in maniera  negativa può  vanificare l’operato di  un’intera  consiliatura .  Ma  fìdati,  rimedierò… “.                                                                                                                                                             Senza sopravalutare la pubblicazione di questo testo, Picone ha già rimediato e almeno questa volta, in tema di comunicazione, non ha nulla da rimproverarsi intanto che continui squilli al cellulare, appuntamenti, riunioni e ripetuti “via vai” del Sindaco  al Palazzo di Città  sembrano dettare i tempi di una crisi che si avvia verso una soluzione entro la settimana in corso.  Nonostante i malumori politici delle fazioni opposte non sembrano annunciare alcuna tregua.                                                                                                                                     (articolo scritto da Silvio D’Auria)

Gli intrecci mafiosi di Girgenti Acque che fanno tremare la politica in provincia di Agrigento. Centinaia già sentiti dalla Procura (Capodicasa e Panepinto compresi)

Procura Pa

  • PALERMO  Scritto da  Silvio D’Auria  

    Un’intera classe dirigente accusata di voto di scambio politico-mafioso: Parlamentari, Sindaci, Consiglieri Comunali e Dirigenti Pubblici (sono tutti agrigentini) da mesi nelle indagini della Procura Distrettuale Antimafia di Palermo. Ma un continuo rimpallo di responsabilità e difese senza esclusioni di colpi hanno fatto da scudo per celare la discutibile (…e allegra) gestione dei servizi idrici e fognari in provincia di Agrigento le cui tariffe sono dieci volte superiori a quelle delle altre regioni d’Italia.

Prese di posizione ricamate dal rifiuto delle accuse su interessi milionari che ruotano da tempo attorno alla società che gestisce servizi per un valore complessivo pari a miliardo di euro operando per anni in assenza di certificato antimafia, senza aggiungere che per il successivo rilascio della necessaria certificazione, il Prefetto di Agrigento è finito sotto la lente d’ingrandimento della Commissione Parlamentare Nazionale Antimafia.  Non solo.  Per le presunte coperture da parte di alcuni vertici di Enti Pubblici, che avrebbero dovuto vigilare sulla regolare gestione dei servizi (da Sciacca a Ravanusa) di tutte le società che erogano acqua e raccolgono rifiuti in provincia, la Procura della Repubblica di Agrigento e quella di Sciacca sono state sottoposte ad ispezioni da parte del Consiglio Superiore della Magistratura.

E come se ciò non bastasse, a  ribadire l’intreccio affaristico, c’è un Ufficiale dei Carabinieri, Lucio Arcidiacono, che in un interrogatorio, assieme ad alcuni pentiti, ha sostenuto che  “Girgenti Acque è un’azienda vicino alla mafia”. Ad oggi la Procura Distrettuale Antimafia di Palermo ha già sentito centinaia di persone, dipendenti di Girgenti Acque e i loro “padrini-sponsor”.   Sottoposti alle domande dei Pubblici Ministeri: Deputati, Senatori, Parlamentari dell’Ars (tra questi il Deputato Nazionale Angelo Capodicasa PD, ex Presidente della Regione Sicilia, e il Deputato Regionale Giovanni Panepinto PD, attuale Sindaco di Bivona) oltre ai vertici dell’Agenzia delle Entrate e dell’INPS della provincia agrigentina che nell’organico  di  Girgenti  Acque avrebbero ottenuto la “sistemazione” di alcuni parenti. Grazie alle intercettazioni ambientali e telefoniche, uno dei Dirigenti è stato già arrestato per un presunto scambio di favori con Marco Campione (leggasi “dominus” di Girgenti Acque, arrestato pure lui).

Ma le accuse vanno assumendo di giorno in giorno una fisionomia sempre più dettagliata: stretti parenti ma anche figli di parenti e amici di Parlamentari, nonché di Amministratori locali agrigentini e di Dipendenti Pubblici, secondo la Procura Distrettuale Antimafia di Palermo sono stati assunti da Girgenti Acque grazie a precise indicazioni di nomi e cognomi in cambio di notevoli contropartite garantite alla società (benefici, esenzioni fiscali e/o contributive, provvedimenti su misura, omissioni nell’attività di verifica  tributaria e di vigilanza/controllo), parallelamente a promesse di sostegno elettorale seguendo una precisa logica all’interno di una ormai consolidata rete di favori reciproci oggetto dell’indagine che sta impegnando da mesi la Procura.

Secondo ultime notizie filtrate dagli uffici giudiziari di Palermo, i Magistrati del capoluogo siciliano sono ormai in attesa di definire le indagini preliminari e formulare le richieste di rinvio a giudizio per voto di scambio. Se i riscontri probatori dovessero confermare le accuse, un vero e proprio terremoto giudiziario travolgerà parte della classe dirigente (tra Parlamentari, Amministratori locali e Dipendenti Pubblici) in tutta la provincia di Agrigento.   

– (Sil.DAu)

Leggi il resto di questo articolo »

Hanno demolito la mia unica casa: peccato che sono italiano

AGRIGENTO – Con la demolizione di un immobile in contrada Cavaleri – Magazzeni nella zona di Poggio Muscello a San Leone – Agrigento, area sottoposta a divieto di inedificabilità assoluta si sono Leggi il resto di questo articolo »

RAVANUSA Che figuraccia! Sindaco snobba tifosi e squadra, negata festa-salvezza

RAVANUSA /  SPORT   –   Che   figuraccia!  Sindaco   snobba  tifosi e squadra, negata  la festa-salvezza.  La  Società:   “Stendiamo un velo  pietoso”

  • (scritto da:  Silvio  D’Auria –  foto:  Girolamo  La Marca)

Tribuna vietata Ravanusa (1)– Ieri pomeriggio al “Saraceno” incontro a porte chiuse terminato con una netta vittoria contro il Comiso e nessuna “festa-salvezza” per tifosi e Società (Asd Ravanusa Calcio). Vietato l’accesso in tribuna per i lavori del nuovo Campo da Tennis iniziati giovedì scorso con l’abbattimento di una parte del muro perimetrale dell’impianto sportivo di via Olimpica. Eppure sarebbe bastato poco per non escludere la presenza del pubblico: imporre la “messa in sicurezza” del cantiere e rendere inaccessibile, anche agli eventuali sprovveduti, l’area interessata ai lavori o, meglio ancora, posticipare di pochi giorni l’inizio degli interventi di ampliamento per consentire agli spettatori il regolare accesso alla tribuna centrale per l’ultima di Campionato di Promozione dove la squadra continuerà a militare anche nel prossimo anno. Direte: atti di “ordinarissima” amministrazione. Eh… già!  Tranquilli, per il Sindaco pensare a soluzioni simili è l’ultima delle difficoltà. All’origine dell’inaspettata decisione c’è sicuramente dell’altro.

L’aggravante non è la circostanza che ruota attorno al divieto d’accesso per l’ultima di Campionato in quanto gara di chiusura come fosse una della tante, incontro terminato poi 4 a 2 contro i ragusani, bensì l’avere imposto l’assenza di pubblico spegnendo l’entusiasmo di Società e tifosi  che di fatto ha impedito l’annunciata “festa-salvezza” di ringraziamento dei sostenitori ai giovani atleti biancorossi tra applausi, cori e bandiere dall’alto dei gradoni sugli spalti del “Saraceno” essendosi la squadra garantita anzitempo punti-salvezza sufficienti suggellando ufficialmente, contro gli ospiti  di ieri, la permanenza in Promozione. L’ Asd Ravanusa Calcio, infatti, aveva anticipato e diffuso inviti a tutta la Città, per l’occasione l’aspettativa sarebbe stata uno “Stadio coloratissimo e gremito di tifosi di fede biancorossa”. Insomma, una vera e propria festa… mancata.

Il  risultato fuori dal campo? Una pessima figuraccia con tifoseria e Città dove nessuno è così ingenuo da credere alla casualità dell’Ordinanza che ha sospeso la fruizione della tribuna, per scongiurare situazioni di pericolo per la pubblica incolumità, a poche ore (!!) dalla gara tuttavia prevista nel calendario di Promozione della Lega Nazionale Dilettanti Ed ecco, appunto, servita la decisione che ha gelato l’atteso festeggiamento:  “Ordinanza (del Sindaco) di interdizione immediata di accesso all’area della tribuna” lungo via Olimpica deliberata e notificata venerdì, per mezzo del Comando di P. M., a Custodi, Forze dell’Ordine, Prefetto, Lega e Società, ovvero 24 ore prima dell’incontro (… con l’aggravante di cui sopra!)

Sono così inaspriti i rapporti tra Amministrazione e Società da non tenere conto dell’ultimo impegno di ritorno contro i ragusani e soprattutto da snobbare (negando!) un pomeriggio di festa per l’atteso ringraziamento alla squadra di tutti i sostenitori? L’ultimo atto sembra essere rappresentato dall’acceso battibecco tra l’Allenatore, Angelo Loggia, e il padre del primo cittadino in ordine ai tempi d’inizio per l’ esecuzione dei lavori e quindi dalla quasi immediata notifica dell’Ordinanza del figlio,  a capo della Giunta, che di fato ha impedito i festeggiamenti. A fine gara, terminata dopo una brillante prestazione dei padroni di casa, la Società risentita pubblica un comunicato dove testualmente si legge: “E’ un vero peccato non aver potuto festeggiare assieme alla Città, un finale di Campionato giocato ad altissimi livelli. Sarebbe stata la festa dei ragazzini (Scuola Calcio Asd Ravanusa) che inseguono i propri idoli, delle famiglie che ogni domenica si stringono attorno alla squadra, dei tanti giovani che hanno seguito le battaglie di ogni incontro al Saraceno e in trasferta, degli ultras che hanno gridato a squarcia gola dall’inizio alla fine delle gare. Una festa negata da un capriccio sul quale non resta che stendere un velo pietoso”.

Oggi “Stemma” cittadino e dicitura “Comune di Ravanusa”, impressi nelle maglie dei giocatori lungo tutto il Campionato, più che testimoniare il patrocinio dell’Ente, come slogan del binomio che legherebbe (?) Istituzioni politiche e Sport, sembrano rappresentare invero l’emblema di una vera e propria beffa che si sarebbe potuta senz’altro evitare…

(Sil.Dau)

AGRIGENTO – L’8 marzo cerimonia di apertura Festival del Folklore 2016

AGRIGENTO (Sil.Dau). Sagra del Mandorlo in Fiore edizione 2016.

L’8 marzo cerimonia ufficiale di apertura del Festival Internazionale del Folklore. Accensione del tripode sotto il Tempio della Concordia: Leggi il resto di questo articolo »

RAVANUSA. Daniela Giordano: “Le mie iniziative per dare impulso positivo ma il giudizio lo rimetto agli altri, continuerò per il bene della Città. In bocca a lupo a Giuliana”

Comunicato    dell’Assessore    uscente    Daniela Giordano 

CatturaDANIELA GIORDANO

RAVANUSA  (Sil.Dau)  –  “Si conclude la mia esperienza di Assessore Comunale, la cui delega mi era stata affidata dal Sindaco, Carmelo D’Angelo,  dopo le ultime consultazioni elettorali. Leggi il resto di questo articolo »

Girgenti Acque: Sospensione cautelativa nei serbatoi di Canicattì, Ravanusa e Campobello

RAVANUSA – A seguito di comunicazione del dirigente Asp dei comuni di Ravanusa e Campobello di Licata, con  la quale veniva informato il sindaco di Campobello di Licata che l’acqua Leggi il resto di questo articolo »

Sequestrati beni alla famiglia mafiosa Di Gioia per 7,5 Mln di euro

CANICATTI’ – Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Agrigento ha recentemente confiscato beni mobili ed immobili per un controvalore di 7.500.000 euro nei confronti della famiglia Di Gioia di Canicattì.   Leggi il resto di questo articolo »

Siculiana piange Antonio Bertolino. Schianto nella notte sulla statale 115

mercedes bertolinoAGRIGENTO. Incidente stradale mortale la notte scorsa sulla statale 115, all’altezza di un distributore di carburanti, tra i Comuni di Realmonte e Siculiana. Un’automobile sportiva, Mercedes Slk,  a bordo della quale c’era una coppia di fidanzati, per cause ancora in corso, Leggi il resto di questo articolo »

Condannato ad un anno di reclusione l’ex presidente della Provincia, Eugenio D’Orsi

d'orsi 2 mrAgrigento, ore 21:41 – Il Tribunale di Agrigento ha condannato a un anno di reclusione l’ex presidente della Provincia di Agrigento Eugenio D’Orsi, 57 anni, nell’ambito del processo relativo ai rimborsi facili e agli incarichi professionali e alla vicenda delle palme acquistate Leggi il resto di questo articolo »

Inchiesta Prg Agrigento: La Procura “convoca” Mallia

michele malliaAgrigento, 20 febbraio 2015 ore 8:14 – L’inchiesta sul Consiglio comunale di Agrigento, sul Piano regolatore generale e sulle prescrizioni esecutive, registra un ulteriore atto. E’ stato, infatti, interrogato dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e dal sostituto procuratore Leggi il resto di questo articolo »

In un video l’avvocato Arnone denuncia le malefatte della magistratura agrigentina

giuseppe arnone 2012Agrigento, 17 gennaio 2015 ore 8:22 – In un video caricato su Youtube, l’ex consigliere comunale ed avvocato, Giuseppe Arnone, illustra comportamenti altamente illegali, alcuni costituenti reato, altri illecito disciplinare, posti in essere dai magistrati Renato Di Natale, Leggi il resto di questo articolo »

Agrigento ricorda Chiara La Mendola ad un anno di distanza dall’incidente mortale

chiara la mendola incidenteAgrigento, lunedì 29 dicembre 2014 ore 7:24 – Ad un anno di distanza dalla morte di Chiara La Mendola, la famiglia aderisce alla iniziativa promossa da alcuni amici e da alcuni cittadini sensibili, che collocheranno una targa ricordo in via Cavaleri –Magazzeni dove la ragazza ha perso la vita. Lo rende noto il legale della famiglia La Mendola, l’avvocato Giuseppe Arnone. L’iniziativa si terrà domani alle 18, all’altezza della traversa denominata via degli Spagnoli, sita a poche decine di metri dalla Chiesa di San Gregorio. All’iniziativa sono stati invitati i rappresentanti del Comune di Agrigento.

Il Tre Sorgenti non si presenta al vertice per la consegna delle reti all’Ato idrico

Diga_sollevamento_colorAgrigento, martedì 23 dicembre 2014 ore 9:33 – Nonostante la delibera assembleare, con la quale i sindaci appartenenti al Tre Sorgenti nei giorni scorsi avevano stabilito la consegna delle reti e degli impianti gestiti dal Consorzio a Girgenti acque, e nonostante l’invito del commissario dell’Ato idrico e del Prefetto ad accelerare quanto più possibile le procedure di consegna, nessuno della dirigenza del Leggi il resto di questo articolo »

Agrigento, Celebrata una messa interforze

SONY DSCAgrigento, lunedì 22 dicembre 2014 ore 17:00 – Si è celebrata nella mattinata odierna presso la Basilica dell’Immacolata di Agrigento, in occasione del Santo Natale, una Santa Messa “interforze” per le Forze Armate e di Polizia della provincia officiata dall’Arcivescovo di Agrigento, Francesco Montenegro e dal Cappellano Militare dei Carabinieri, Don Salvatore Falzone, dal Cappellano della Polizia Leggi il resto di questo articolo »

Agrigento, Multati due locali a San Leone

auto_polizia_di_statoAgrigento, domenica 21 dicembre 2014 ore 15:30 – Continua senza sosta l’attività della Polizia di Stato nell’ambito dei controlli amministrativi presso i pubblici esercizi della provincia. Nell’ambito di un’ampia e mirata attività di verifica disposta dal Questore, il personale della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Agrigento, elevava sanzioni amministrative Leggi il resto di questo articolo »

Le Palme Killer anche ad Agrigento: La Scala lancia l’allarme

palma malata quadrivio spinasanta agAGRIGENTO, ore 8:37 – Il punteruolo rosso può “colpire” anche ad Agrigento, e non si tratta solo di tutelare le palme, ma anche l’incolumità delle persone. Dopo quanto accaduto a Palermo e ieri a Catania, dove una donna è morta perchè su di lei si è abbattuta una palma colpita dal punteruolo rosso, mentre stava parlando con la figlia in una villetta pubblica del centro etneo, l’sos viene lanciato dal responsabile Leggi il resto di questo articolo »

Carabinieri “controllano” il territorio

carabinieri 1 159AGRIGENTO, ore 13:36 – Controllo del territorio e segnalazione all’Autorità Giudiziaria delle persone sorprese in stato d’ebrezza alla guida di veicoli oppure perché non munite di patente perché mai conseguita: in cinque sono caduti nella rete delle attività di verifica assicurate dall’Arma dei Carabinieri nel territorio provinciale per la tutela della sicurezza pubblica, le cui variabili sono  strettamente connesse Leggi il resto di questo articolo »

Rapine in banca ad Agrigento e Licata: Scovato ed arrestato Cavallaro

Salvatore CavallaroAGRIGENTO, ore 18:38 – Dopo una intensa ed articolata attività di indagine, la Polizia di Stato ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Agrigento, su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico del pluripregiudicato catanese Salvatore Cavallaro di 22 anni, in quanto ritenuto responsabile di due distinte rapine consumate, il 2 luglio 2013 Leggi il resto di questo articolo »

Agrigento, Sigilli ai depuratori di due caseifici

polizia carabinieriAGRIGENTO, ore 21:12 La Polizia di Stato di Agrigento (Divisione Polizia Anticrimine e Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica) unitamente a militari dei NAS, della Compagnia Carabinieri di Agrigento e personale della Polizia Locale del capoluogo ha dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo, emesso dal GIP presso il Tribunale di Agrigento su richiesta della Procura della Repubblica di Leggi il resto di questo articolo »

La carica dei 104 truffatori: arrestati medici per false attestazioni di invalidità. I NOMI DI TUTTI GLI INDAGATI

auto_polizia_di_statoAGRIGENTO, ore 11:45 – Il blitz dei poliziotti della Digos della Questura di Agrigento, nell’ambito di un’inchiesta denominata “la carica delle 104″ è scattato all’una di notte. Procura e Questura hanno “colpito” medici compiacenti che accordavano i documenti della legge 104 a chi non ne aveva diritto. Il nome dell’operazione in relazione ai riconoscimenti connessi ai sensi della legge 104 (per assistere Leggi il resto di questo articolo »

Furto al centro commerciale di Villaseta: in manette tre romeni

furto centro commercialeAgrigento, ore 9.21 – I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Agrigento unitamente ai colleghi delle Stazioni di Villaseta ed Agrigento, hanno arrestato durante la serata tre persone di nazionalità rumena per furto aggravato. Filip Florin, 20enne, Caplan Ionut Irinel, 26enne, Dumitru Costantin Florin, 20enne, tutti operai agricoli domiciliati ad Alcamo, in trasferta ad Agrigento, già noti Leggi il resto di questo articolo »

Agrigento, Aggredito il consigliere Michele Mallia

michele malliaAgrigento, ore 21:11 – Aggredito, picchiato e costretto a ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Disavventura per il consigliere comunale Michele Mallia, ieri alle 13 in punto, in piazza Pirandello, proprio sotto gli alberi di fronte al Palazzo di città. Mallia è stato aggredito da un uomo, del quale non si conoscono Leggi il resto di questo articolo »

Agrigento, In edicola il nuovo dirompente libro di Giuseppe Arnone

giuseppe arnone candidato agrigentoAgrigento, ore 10:42 E’ già in vendita, in tutte le edicole e librerie di Agrigento il più dirompente e clamoroso dei libri che siano mai stati pubblicati e diffusi in questa nostra terra, di mafia e malaffare. L’autore è l’ex consigliere comunale ed ambientalista, Giuseppe Arnone. La pubblicità del libro non si permetterà neanche di far inquadrare in Tv l’intero titolo e sottotitolo, tanta è la carica Leggi il resto di questo articolo »

Agrigento, Attivato il servizio antincendio in tutta la Provincia

Incendio1-470x352[1]AGRIGENTO, ore 20:05 Meno incendi “dolosi” con le squadre di avvistamento predisposte dal gruppo operativo della Protezione civile dell’ex Provincia, guidato da Marzio Tuttolomondo. Quest’anno, dopo lo stop imposto dalla mancanza di fondi per l’estate del 2013, l’ente ha deciso di riproporre  il servizio di vigilanza antincendio lungo le strade di competenza e Leggi il resto di questo articolo »

Articoli recenti