Archivi per la categoria ‘Evidenza’

RAVANUSA. La poesia-canto di G. La Marca premiata al Memorial Rosa Balistreri di Licata (di Silvio D’Auria)

LICATA (AG)  SCRITTO DA SILVIO D’AURIA  –   “Beddra Matri di lu Commentu”, di Girolamo La Marca, premiata domenica scorsa al Memorial Rosa Balistreri di Licata, manifestazione organizzata dal  Lions Club giunta alla sua 16° edizione. II canto religioso, il cui testo è nato originariamente per rimanere poesia,  è stato  eseguito da Dario Raia, alla chitarra, da Giuseppe Galifi, al flauto, e da Cristina Patti e Angelica Lentini,  le voci,  che insieme hanno regalato forte emozioni al pubblico.  Poesia-canto promossa da  Fra Graziano come  una sorta  di  dono prima del suo trasferimento da Ravanusa a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina.  Un  premio ottenuto davanti alla  platea gremita del Teatro “Re Grillo” di Licata, al termine della gara con cantanti di straordinario talento.

Premiati, durante la  cerimonia del Memorial licatese,  anche Francesco Romano e Mario Rizzo, poeti di Ravanusa, assieme a Salvatore e  Corinne Amico,  padre e figlia,  a cui è andato ex aequo  il primo posto. “Che dire? Un ringraziamento di cuore ai ragazzi  – sono le parole di gratitudine dell’autore Girolamo Marca – per la toccante esecuzione di  ‘Beddra Matri di lu Commentu’. Grazie a  Fra Graziano  per il ricordo che ci lascia e grazie anche al maestro Isa Paraninfo che ha creduto in questo mio testo diventato, a Ravanusa, inno non solo della comunità parrocchiale del Convento ma pure di quella cittadina”.                 (Sil.Dau)

Gli intrecci mafiosi di Girgenti Acque che fanno tremare la politica in provincia di Agrigento. Centinaia già sentiti dalla Procura (Capodicasa e Panepinto compresi)

Procura Pa

  • PALERMO  Scritto da  Silvio D’Auria  

    Un’intera classe dirigente accusata di voto di scambio politico-mafioso: Parlamentari, Sindaci, Consiglieri Comunali e Dirigenti Pubblici (sono tutti agrigentini) da mesi nelle indagini della Procura Distrettuale Antimafia di Palermo. Ma un continuo rimpallo di responsabilità e difese senza esclusioni di colpi hanno fatto da scudo per celare la discutibile (…e allegra) gestione dei servizi idrici e fognari in provincia di Agrigento le cui tariffe sono dieci volte superiori a quelle delle altre regioni d’Italia.

Prese di posizione ricamate dal rifiuto delle accuse su interessi milionari che ruotano da tempo attorno alla società che gestisce servizi per un valore complessivo pari a miliardo di euro operando per anni in assenza di certificato antimafia, senza aggiungere che per il successivo rilascio della necessaria certificazione, il Prefetto di Agrigento è finito sotto la lente d’ingrandimento della Commissione Parlamentare Nazionale Antimafia.  Non solo.  Per le presunte coperture da parte di alcuni vertici di Enti Pubblici, che avrebbero dovuto vigilare sulla regolare gestione dei servizi (da Sciacca a Ravanusa) di tutte le società che erogano acqua e raccolgono rifiuti in provincia, la Procura della Repubblica di Agrigento e quella di Sciacca sono state sottoposte ad ispezioni da parte del Consiglio Superiore della Magistratura.

E come se ciò non bastasse, a  ribadire l’intreccio affaristico, c’è un Ufficiale dei Carabinieri, Lucio Arcidiacono, che in un interrogatorio, assieme ad alcuni pentiti, ha sostenuto che  “Girgenti Acque è un’azienda vicino alla mafia”. Ad oggi la Procura Distrettuale Antimafia di Palermo ha già sentito centinaia di persone, dipendenti di Girgenti Acque e i loro “padrini-sponsor”.   Sottoposti alle domande dei Pubblici Ministeri: Deputati, Senatori, Parlamentari dell’Ars (tra questi il Deputato Nazionale Angelo Capodicasa PD, ex Presidente della Regione Sicilia, e il Deputato Regionale Giovanni Panepinto PD, attuale Sindaco di Bivona) oltre ai vertici dell’Agenzia delle Entrate e dell’INPS della provincia agrigentina che nell’organico  di  Girgenti  Acque avrebbero ottenuto la “sistemazione” di alcuni parenti. Grazie alle intercettazioni ambientali e telefoniche, uno dei Dirigenti è stato già arrestato per un presunto scambio di favori con Marco Campione (leggasi “dominus” di Girgenti Acque, arrestato pure lui).

Ma le accuse vanno assumendo di giorno in giorno una fisionomia sempre più dettagliata: stretti parenti ma anche figli di parenti e amici di Parlamentari, nonché di Amministratori locali agrigentini e di Dipendenti Pubblici, secondo la Procura Distrettuale Antimafia di Palermo sono stati assunti da Girgenti Acque grazie a precise indicazioni di nomi e cognomi in cambio di notevoli contropartite garantite alla società (benefici, esenzioni fiscali e/o contributive, provvedimenti su misura, omissioni nell’attività di verifica  tributaria e di vigilanza/controllo), parallelamente a promesse di sostegno elettorale seguendo una precisa logica all’interno di una ormai consolidata rete di favori reciproci oggetto dell’indagine che sta impegnando da mesi la Procura.

Secondo ultime notizie filtrate dagli uffici giudiziari di Palermo, i Magistrati del capoluogo siciliano sono ormai in attesa di definire le indagini preliminari e formulare le richieste di rinvio a giudizio per voto di scambio. Se i riscontri probatori dovessero confermare le accuse, un vero e proprio terremoto giudiziario travolgerà parte della classe dirigente (tra Parlamentari, Amministratori locali e Dipendenti Pubblici) in tutta la provincia di Agrigento.   

– (Sil.DAu)

Leggi il resto di questo articolo »

Giusy Savarino (#DiventeràBellissima): Il ponte? Dove sono i soldi? In Sicilia poche certezze, blocco Gare di Appalto e nessuna misura per Lavoro e Sviluppo. Garanzia Giovani? L’ennesimo inganno…

(Sil.Dau)  –  L’ex Deputato Regionale dell’Udc, Giusy Savarino (nella foto), già Presidente del Movimento “Amunìsicilia” e oggi portavoce di “#DiventeràBellissima”:                                                              “Il ponte si farà, ma dove sono i soldi?  In Sicilia poche certezze rimaste, ovvero:  blocco gare di appalto, crollo investimenti, carenza di iniziative per la crescita e nessuna misura per il lavoro e sviluppo” E anche su “Garanzia Giovani”  non le manda a dire:                                 “E’ l’ennesimo inganno mentre si continua a rubare il futuro ai nostri figli.  Grazie Renzi,   grazie Crocetta!”

CatturaGiusy savarino

  • PALERMO  (di ccusati di “chiacchiere”. La portavoce di “#DiventeràBellissima”, che non risparmia il Premier a proposito del Ponte sullo Stretto,  è critica sui dati forniti dalla Banca d’Italia,  per lo “stato” delle gare di appalto e il crollo degli investimenti nell’isola. E per le iniziative su   crescita,    sbocco   per  il   lavoro  e  lo  sviluppo…       mancati.

“Il ponte si farà,  forse. Magari dopo, ma dopo cosa?”  E’ l’incipit della nota critica diretta ai Presidenti del Consiglio e della Regione Sicilia.                                                                                                                            ‘Il ponte sullo stretto si farà!’  ha dichiarato Renzi in queste settimane.  Si però magari dopo aver fatto strade e treni ad alta velocità in Sicilia.  E noi, umilmente,  gli diciamo ‘va bene!’  Ma dove sono i soldi?  Il (suo) Ministro Delrio, alcuni giorni fa,  risponde quasi a smentirlo:  ‘Il ponte non è una priorità,  bisognerà discutere con le Comunità e gli Enti Locali per capire quali siano le loro priorità’.  Appunto,  a questo siamo quando si tratta di Sicilia:  alle chiacchiere,  solo chiacchiere!  

Tra le poche certezze, invece rimaste, – prosegue Giusy Savarino puntando il dito contro il Governatore della Sicilia  –  il blocco delle gare di appalto in corso da parte di Crocetta per paventato rischio di infiltrazioni mafiose essendo trapelata un’inchiesta dalla quale emergerebbe un elenco di Deputati (all’Ars, ndr) da contattare per conto del superlatitante Matteo Messina Denaro al  fine di approvare una Legge (… gradita) sugli appalti.

Dunque grazie Crocetta e  grazie  Renzi perché,  mentre voi chiacchierate, la Sicilia ha avuto un crollo degli investimenti  (dati: Banca d’Italia)  e assoluta carenza di iniziative per la crescita.  Siamo il fanalino di coda dell’intera Nazione,   risaliamo la classifica e  passiamo in testa per tasso di disoccupazione giovanile (43%)  intanto che il divario Nord/Sud, secondo Visco,  raggiunge  il valore  più  elevato degli  ultimi  10 anni.

Grazie Crocetta  per una “Finanziaria”  che non  prevede  nessuno sbocco per il lavoro e per lo sviluppo limitandosi a rinviare le soluzioni dei problemi che  attanagliano la nostra  terra.  Grazie Crocetta  che continua a rubare il futuro ai nostri figli con l’ennesimo inganno su “Garanzia Giovani”. Grazie  – conclude  la portavoce  di “#DiventeràBellissima” – della sua posa desnuda,  da Crocetta stesso  annoverata tra le iniziative positive in tema di incremento turistico, e ancora grazie, da tifosa juventina,  per avere trasformato anche questa passione in una questione di classe sociale. Grazie!”

  • (Sil.Dau)

AGRIGENTO – L’8 marzo cerimonia di apertura Festival del Folklore 2016

AGRIGENTO (Sil.Dau). Sagra del Mandorlo in Fiore edizione 2016.

L’8 marzo cerimonia ufficiale di apertura del Festival Internazionale del Folklore. Accensione del tripode sotto il Tempio della Concordia: Leggi il resto di questo articolo »

RAVANUSA. Daniela Giordano: “Le mie iniziative per dare impulso positivo ma il giudizio lo rimetto agli altri, continuerò per il bene della Città. In bocca a lupo a Giuliana”

Comunicato    dell’Assessore    uscente    Daniela Giordano 

CatturaDANIELA GIORDANO

RAVANUSA  (Sil.Dau)  –  “Si conclude la mia esperienza di Assessore Comunale, la cui delega mi era stata affidata dal Sindaco, Carmelo D’Angelo,  dopo le ultime consultazioni elettorali. Leggi il resto di questo articolo »

Tutto pronto per il raduno del Vespa club “Vespatizzati”

vespatizzati canicattì locandinaCANICATTI’ – Il Vespa club Canicattì “Vespatizzati” ha partecipato al decimo raduno nazionale “Città di Niscemi”. Il club canicattinese – sempre più Leggi il resto di questo articolo »

Incidente mortale sulla Naro Canicattì: Vittima Angela Cutaia

angela cutaia vittima incidente naro canicattì 1CANICATTI’. Tragico incidente stradale ieri sera sulla Naro-Canicattì. Una ragazza di 19 anni, Angela Cutaia, studentessa, ha perso la vita dopo che l’auto con la quale viaggiava in compagnia di un’altra ragazza, è sbandata e si è ribaltata per cause ancora in fase di Leggi il resto di questo articolo »

Denunciati madre e figlio per furto di corrente elettrica

auto_polizia_di_statoPALMA DI MONTECHIARO. Due persone, madre e figlio, sono state denunciate dalla Polizia di Stato all’autorità giudiziaria. T.G., classe 1961 e N.R. classe 1980, già condannato per associazione mafiosa, rispettivamente madre e figlio, entrambi del luogo, sono stati ritenuti Leggi il resto di questo articolo »

Incendiato il portone di casa di un pensionato in via Zara

auto_polizia_di_statoCANICATTI’. Ancora un episodio inquietante a Canicattì. In via Zara, è stato preso di mira il portone d’ingresso dell’abitazione di un operaio del luogo. Ignoti, dopo aver cosparso di liquido infiammabile il portone dell’abitazione hanno appiccato le fiamme. I danni, fortunatamente Leggi il resto di questo articolo »

Campobello, Minore accusato di guida senza patente assolto col perdono giudiziario

salvatore manganelloCAMPOBELLO. Il giudice per le udienze preliminari del tribunale per i minori di Caltanissetta, Gabriella Tomai, ha assolto dall’accusa di guida senza patente e resistenza a pubblico ufficiale, il giovane campobellese A. R. queste le iniziali, difeso dagli avvocati Leggi il resto di questo articolo »

Ravanusa, Archiviazione per l’imprenditore Calogero Leone

salvatore manganelloRAVANUSA. Non subirà il processo l’imprenditore ravanusano Calogero Leone, che nel maggio del 2014 era stato trovato, dai carabinieri della locale stazione, in possesso di 3.580 chili di rame e fili elettrici, ritenuti di provenienza illecita. Lo ha stabilito il giudice per le indagini Leggi il resto di questo articolo »

Canicattì, Si appropria dei mobili della cognata: condannato Giuseppe Alletto

tribunale agrigentoCANICATTI’. Si era appropriato indebitamente dei mobili che la cognata gli aveva affidato temporaneamente, ma lui ha pensato bene di non restituirli quando la proprietaria glieli ha chiesti indietro. Ma la donna lo ha denunciato e adesso ha ottenuto giustizia. Protagonista Leggi il resto di questo articolo »

Ravanusa, Evasione arrestato un romeno

Autosave-File vom d-lab2/3 der AgfaPhoto GmbHRAVANUSA. I militari della locale Stazione hanno arrestato in flagranza di reato Valentin Iancu, 32enne, con precedenti giudiziari, con l’accusa di evasione. L’uomo è stato infatti sorpreso dai Carabinieri durante un controllo mentre a piedi si trovava fuori dalla Leggi il resto di questo articolo »

Canicattì, Evasione dai domiciliari: Messina finisce in carcere

calogero-messinaCANICATTI’. La Polizia di Canicattì ha arrestato Calogero Messina, 33 anni del luogo, in quanto colto nella flagranza del reato di evasione dal regime degli arresti domiciliari cui risulta in atto sottoposto. Nel corso di un controllo effettuato presso l’abitazione di Messina, gli Leggi il resto di questo articolo »

Canicattì, Colpi di pistola contro il supermercato R7

polizia-di-statoCanicattì, ore 11:13 – Intimidazione ai danni di un esercizio commerciale di Canicattì. Malviventi hanno sparato 2 colpi di fucile caricato a pallettoni contro la saracinesca del supermercato “R7″. E’ stata presentata una denuncia alla Polizia. Sul posto Leggi il resto di questo articolo »

Condannato ad un anno di reclusione l’ex presidente della Provincia, Eugenio D’Orsi

d'orsi 2 mrAgrigento, ore 21:41 – Il Tribunale di Agrigento ha condannato a un anno di reclusione l’ex presidente della Provincia di Agrigento Eugenio D’Orsi, 57 anni, nell’ambito del processo relativo ai rimborsi facili e agli incarichi professionali e alla vicenda delle palme acquistate Leggi il resto di questo articolo »

La suocera truffata dal genero si rivolge alla polizia

polizia-di-statoCanicattì, ore 19:13 – Un’anziana di Canicattì ha scoperto di essere stata truffata dal genero. A scoprire la truffa sono stati i poliziotti del locale Commissariato, che hanno denunciato l’uomo, un 41enne canicattinese. E’ accusato di truffa e sostituzione di persona. La vicenda Leggi il resto di questo articolo »

Giovane arrestato per spaccio

CarabinieriCanicattì, 4 marzo 2015 ore 13:47 – Un uomo di Canicattì è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo operativo per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Si tratta di G.D.P. 24enne, che sottoposto a perquisizione è stato trovato in possesso di Leggi il resto di questo articolo »

Mafia, Processo “Doppio colpo”: assolto l’imprenditore campobellese Franco Lo Cicero

operazione doppio colpoCampobello di Licata, 24 febbraioo 2015 ore 7:35 – Assolto perché il “fatto non sussiste” dalle accuse di associazione mafiosa, favoreggiamento aggravato e false fatturazioni. Si è concluso con questo verdetto emesso dal collegio giudicante del tribunale i Caltanissetta, Leggi il resto di questo articolo »

Canicattì, Ruba all’Oviesse: arrestata una romena

auto_polizia_di_statoCanicattì, 14 febbraio 2015 ore 7:30 – La polizia ha arrestato Maria Alina Bulete, 23 anni, in quanto colta nella flagranza del reato di furto aggravato consumato all’interno del negozio “Oviesse” di Largo Aosta. Intorno alle 11.45, la “volante” del locale commissariato canicattinese Leggi il resto di questo articolo »

Tentato omicidio: due canicattinesi arrestati a Palermo

incidente auto biciCanicattì, 12 febbraio 2015 ore 18:40 – La Polizia ha arrestato Giuseppe Gennaro, 24 anni, e Leonardo Spallino, 22 anni, entrambi di Canicattì, che risponderanno di tentato omicidio, in concorso, lesioni personali dolose, resistenza a pubblico ufficiale, rifiuto Leggi il resto di questo articolo »

Favara, Omicidio Bellavia: una telecamera ha ripreso tutto, i killer hanno le ore contate

omicidio bellavia favaraFavara, 27 gennaio 2015 ore 8:28 – Una telecamera posizionata all’esterno del deposito di bibite, all’interno del quale è stato, ieri sera, assassinato Bellavia, ha, quasi sicuramente, ripreso l’arrivo dei killer o, addirittura, il momento stesso dell’esecuzione mafiosa. Tutto è Leggi il resto di questo articolo »

Campobello, Furto di energia elettrica: arrestato un macellaio

giuseppe taibi campobello arrestatoCampobello di Licata, 23 gennaio 2015 ore 19:47 – I Carabinieri hanno arrestato in flagranza il macellaio di 45 anni Giuseppe Taibi. L’uomo è ritenuto responsabile di furto aggravato di energia elettrica per avere allacciato arbitrariamente alla rete elettrica l’impianto Leggi il resto di questo articolo »

Canicattì, Fucile a canne mozze: arrestato il pastore Cuttaia

gioacchino cuttaia pastore arrestato arma e munizioni 1Canicattì, 17 gennaio 2015 ore 13:22 – Continuano i servizi straordinari di controllo del territorio della Compagnia Carabinieri di Canicattì. In particolare, nella giornata odierna, le aree di Aragona e Canicattì sono state interessate da una Leggi il resto di questo articolo »

Tentata estorsione: licatese ai domiciliari. Si tratta di Angelo Lo Giudice

angelo lo giudice arrestatoPorto Empedocle, 2 gennaio 2015 ore 8:31 -I poliziotti del Commissariato di Porto Empedocle, agli ordini del vice questore aggiunto Cesare Castelli, hanno arrestato, in flagranza di reato, Angelo Lo Giudice 45 anni, disoccupato di Licata, in quanto resosi responsabile Leggi il resto di questo articolo »

Furto di energia elettrica: assolto il ravanusano Marchese Ragona

foto_tribunale[1]Ravanusa, mercoledì 31 dicembre 2014 ore 13:07 – Non si era allacciato abusivamente al contatore elettrico e non aveva rubato energia al gestore del servizio pubblico. Sono queste le conclusioni che hanno portato il giudice monocratico, Giancarlo Caruso, ad assolvere Leggi il resto di questo articolo »

Articoli recenti