Crocetta annuncia: si vota a dicembre. E scatta la corsa dei partiti contro il tempo

peppe zambitoAgrigento, ore 13:20 – E’ partita la corsa contro il tempo degli operatori politici agrigentini che si erano “rilassati” pensando che le elezioni amministrative potessero essere fissate per la primavera del 2015. Invece, le parole del governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, che in una riunione con i suoi fedelissimi si è lasciato scappare che “al 99,9% sono orientato a far votare i siciliani in quei Comuni senza sindaco”, ha messo in fibrillazione uomini e partiti. I primi candidati ufficiali sono spuntati: uno è Giuseppe Di Rosa che ha annunciato il suo contratto con gli agrigentini, sostenuto da una lista civica e fors’anche dal movimento Cinque stelle che non ha altro di meglio da appoggiare, l’altro è Andrea Cirino che proprio nel weekend terrà una conferenza stampa per l’annuncio della sua scesa in campo, peraltro anticipata ieri dal nostro giornale. La “sortita” di Crocetta ha smosso anche il Partito democratico che dormiva sonni tranquilli pensando a maggio del 2015. Di tutta fretta, infatti, il segretario provinciale Peppe Zambito, ha dovuto “convocare” i due coordinatori cittadini del Pd, Alessio Settecasi ed Epifanio Bellini, che incontrerà oggi nel pomeriggio presso la sede del partito. Tema in discussione le prossime elezioni. Di novembre, dicembre 2014 o maggio 2015 poco importa, basta che se ne inizi a parlare per non farsi trovare impreparati. Zambito esporrà il piano del Partito democratico, in vista delle prossime elezioni amministrative: “Partire dai programmi per poi scegliere il candidato attraverso le primarie. Quella della scelta del candidato fuori dalle segreterie politiche, per Zambito è una posizione che sembra andare contro le voci di possibili alleanze. Sui nomi già usciti fuori di chi concorrerebbe alla carica di sindaco di Agrigento (Enzo Campo vicino a Sel, e Calogero Firetto, candidato di Ncd-Pd), Zambito dichiara: “Non ci sono ancora stati incontri che rispecchiano il piano, e Calogero Firetto, già alla guida di Porto Empedocle, non ha ancora sciolto la riserva. E’ fuori dalla storia chi pensa che un candidato a sindaco si possa scegliere nel buio di una segreteria politica”. Poi, il segretario originario di Siculiana spiega : “Il Pd non ha incontrato nessun potenziale candidato, perché la linea da seguire, in assoluto, è quella di partire dai programmi e non dai candidati”. Ai Consiglieri comunali di Forza Italia legati a Riccardo Gallo che sostengono che il Pd abbia già stretto un’alleanza con il Movimento per le autonomie di Roberto Di Mauro ed il Nuovo centrodestra di Angelino Alfano, testimoniata dall’elezione del presidente dell’Aula Sollano, Carmelo Settembrino, Zambito replica: “Assolutamente no. Non è stata una scelta politica collettiva, i consiglieri hanno votato in libertà. A Riccardo Gallo rivolgo una sfida : noi non abbiamo giochi fatti, siamo pronti a confrontarci”. Intanto il gruppo “Progetto Agrigento” si rimette a lavoro per programmare le attività da svolgere e pianificare tutti insieme quello che potrà essere il futuro della città. “E’ palese – spiega il coordinatore Marcello Fattori – che la situazione economico-finanziaria del nostro Comune, a causa di lunghi anni di mala gestione è al collasso e la strada da percorrere è certamente in salita. Tutto ciò, però, non deve scoraggiarci, al contrario dovrà essere una spinta in più affinché ognuno di noi si possa mettere in gioco e dare il proprio contributo alla rinascita della città, la quale passerà unicamente da visioni, progetti, idee e modus operandi del tutto nuovi. Stiamo programmando ,per i prossimi giorni, una riunione con la quale stabiliremo la via da percorrere ed alla quale speriamo possiate e vogliate dare il vostro prezioso contributo”.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti