Droga: scarcerati Guagenti e Burgio

BURGIO GUAGENTI

CANICATTI’ – Sono stati rimessi in libertà, dopo l’interrogatorio di garanzia, i due giovani di Canicattì arrestati venerdì scorso dai carabinieri della compagnia cittadina, coordinati dal capitano Mario Amengoni. Emanuele Guagenti, 22 anni, difeso dall’avvocato Paolo Ingrao e Carmelo Burgio, di 21 anni, difeso dall’avvocato Calogero Meli, sono comparsi davanti al giudice per le indagini preliminari, Alfonso Malato che accogliendo le tesi dei difensori di fiducia dei due ragazzi canicattinesi li ha rimessi in libertà. Il pubblico ministero, Brunella Sardoni ha chiesto la convalida del fermo e l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari. Erano stati i carabinieri dell’aliquota radiomobile nel transitare nel pressi del Santuario di Madonna della Rocca di Canicattì a notare uno scooter Aprilia scarabeo con due ragazzi a bordo che si aggiravano nei vicoli adiacenti. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, alla vista della pattuglia, i due invertivano la marcia, i militari percependo che l’atteggiamento e la repentina manovra era frutto di qualcosa di illecito, decidevano di seguire lo scooter ed una volta affiancato intimavano l’alt. Immediatamente i due ragazzi apparivano visibilmente nervosi dal controllo, i militari pertanto decidevano di sottoporli ad accurata perquisizione personale e veicolare, rinvenendo nel porta oggetti dello scooter un busta in cellophane trasparente contenente delle infiorescenze di colore verde, che subito agli occhi dei militari veniva identifica in germogli di marijuana, per tanto i due giovani venivano accompagnati presso il comando compagnia, dove dopo aver effettuato i relativi accertamenti e  dichiarati in stato di arresto. In tutto circa 100 grammi di Marijuana, nonché sequestrata la somma di euro 215 ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti