Esordio senza reti per il Ravanusa in Coppa Italia

RAVANUSA. L’esordio casalingo in Coppa Italia per la matricola Ravanusa non è dei migliori, nonostante la squadra di mister Angelo Loggia abbia giocato bene, soffrendo per l’espulsione diretta

rimediata dopo appena 15 minuti da Giuseppe Loggia per una brusca entrata sull’avversario nisseno. Episodio, questo che ha caratterizzato l’andamento della gara ed ha influito sul risultato finale chiuso ad occhiali. Nessuna rete da ambo i lati: vuoi per la bravura di Giovanni Strano (portiere del Ravanusa che non ha fatto rimpiangere il suo predecessore Loretta), che le ha parate tutte, da tutte le angolazioni e da tutte le direzioni, vuoi per la capacità della difesa nissena, messa in campo egregiamente da mister Angelo Cartone, di non far penetrare i più “pericolosi”, Cimino e Tanio Falsone che in una occasione è stato sfortunato perché la sua conclusione si è spenta leggermente a lato. Stessa situazione con Gabriele Giarrana, subentrato a Leandro Cimino, che per poco non ha fatto centro. La superiorità numerica non è stata sfruttata al meglio dai nisseni, ma le occasioni non sono mancate. Con Genova e Di Franco che sono stati i più pericolosi in avanti ed hanno destato preoccupazione alla difesa biancorossa.

IL TABELLINO

Ravanusa 0

Sp. Nissa 0

Ravanusa: Strano, Guarnotta, S. Giarrana, Di Liberto, Piccirillo, Intorre, D’Angelo (1’ st T. Falsone), Di Salvo, Lo Curto, Cimino (12’ st G. Giarrana), Loggia. Allenatore Angelo Loggia.

Sport Club Nissa: Ammendola, Calvaruso, Italiano, Milanesio, Vaccarella, Di Maria (13’ st La Mantia), La Marca, Ferraro, Genova, Di Franco, Privitera (34’ st Bevilacqua). Allenatore Angelo Cartone

Arbitro: Cristoforo De Caro di Agrigento. Assistenti Saieva e Varisano di Agrigento.

Note: Espulso Loggia al 15’ pt.

IL COMMENTO DI ANGELO LOGGIA TRAINER DEL RAVANUSA CALCIO

Grazie ragazzi, siete stati fantastici. Che sofferenza, abbiamo dato tutto, in campo – splendidi come sempre – ma fino all’ultimo fiato che avevamo in corpo. La Nissa è una signora squadra, non mi piace fare i conti in tasca agli altri ma la differenza dei budget è palese sotto gli occhi di tutti. Purtroppo in 10 per quasi 80 minuti non è stato facile sicuramente abbiamo fatto un regalo alla Nissa.  Ringrazio i ragazzi prima di tutto, oltre la squadra, la cosa però più bella è aver visto tantissima gente allo stadio, il botteghino ha registrato 500 persone una cosa incredibile. Tanta allegria, passione e sentimento, tifo da ultras ma in un clima di assoluto fair play. Vuol dire che indossare la maglia del Ravanusa significa qualcosa e che questa società, e questa squadra, stanno entrando nel cuore della città. Grazie a tutti anche di questo.

IL COMMENTO DELLA SOCIETA’

Il pari ci sta’! Finisce a reti inviolate la prima gara ufficiale della stagione calcistica. Allo stadio Saraceno, con una magnifica cornice di pubblico, si sono incontrate due grandi squadre. La Nissa che è tra le favorite del campionato, con grandi calciatori di esperienza, e il Ravanusa con una rosa giovane e dinamica e un’intelaiatura fatta da giocatori di spessore.  La partita si è giocata con temperature tropicali, caldo e umidità, che hanno condizionato la prestazione di entrambe le squadre. Il Ravanusa complessivamente ha disputato una buona partita, giocando per quasi ottanta minuti in dieci uomini, dopo l’espulsione di Loggia al 18* del primo tempo che di fatto ha condizionato la prestazione dell’intera squadra e le scelte tecniche.
Ottimo l’esordio di Strano che ha mostrato sicurezza e ha fatto due grandi parate nel primo tempo. La linea difensiva con Guarnotta, Piccirillo, Intorre e Sergio Giarrana ha retto bene e non ha sofferto più di tanto gli attacchi della Nissa. I cursori Guarnotta e Giarrana hanno spinto poco nelle fasce e non hanno ancora la condizione fisica ottimale per fare quello che sanno fare. Piccirillo e’ una garanzia. Intorre il migliore nel suo reparto. Per nulla intimidito del blasone degli avversari non hai mai sbagliato un intervento. Preciso e autoritario. Deve fare ancora tanto per superare il suo maestro ma è sulla buona strada. A centrocampo: Di Liberto e’ stato il migliore in campo. Novantacinque minuti a tallonare gli avversari, impedendogli di ragionare. Ruba palla in continuazione, riparte e mette sempre in inferiorità numerica l’avversario. Dai suoi piedi partono due azioni che hanno messo davanti la porta prima Vangelista e poi Falsone. Di Salvo ha giocato come sa fare, da vero regista. Deve migliorare nel ritmo e nelle ripartenze. Cimino, Lo Curto e D’Angelo hanno giocato a ridosso di Loggia unica punta. I tre che hanno doti tecniche indiscusse, avrebbero dovuto osare di più e puntare sulla velocità. Le condizioni climatiche li hanno sicuramente penalizzati. Loggia ha giocato solo venti minuti. Non ha fatto neanche in tempo a prendere le misure alla difesa nissena e un’ingenuità gli è costata cara. Sono subentrati nel secondo tempo, Falsone a D’Angelo, Gabriele Giarrana a Cimino e Vangelista a Di Salvo. Falsone ha fatto vedere degli spunti interessanti, sfruttando al meglio, con un bel tiro dalla distanza, l’unica occasione avuta. La condizione fisica ottimale e’ ancora lontana. Giarrana che rientra da un infortunio, ha messo in campo tutta la sua vivacità ma avrebbe dovuto osare di più nell’uno contro uno. Vangelista e’ stato un grande. Subito entrato in partita, imponendo vigore atletico e grinta, senza alcun timore reverenziale. Ha avuto sui piedi una bella occasione da rete che non ha saputo sfruttare al meglio. Nel complesso, la prestazione e’ stata positiva. La squadra c’è e ha diverse soluzioni in tutti i reparti. Ha giocato alla pari con una delle squadre più forti del campionato. Può fare molto di più e deve riappropriarsi del suo smalto.
Nella parte finale la partita si poteva vincere contro un Nissa che aveva portato i remi in barca.
È mancata la consapevolezza nei propri mezzi e un po’ di sfrontatezza, caratteristiche che fanno la differenza. Nulla e’ perduto.  Un motivo in più per fare meglio nella partita di ritorno.
Si può fare, basta volerlo.
Passo dopo passo, Forza Ravanusa!

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti