Furto di energia elettrica: assolto il ravanusano Marchese Ragona

foto_tribunale[1]Ravanusa, mercoledì 31 dicembre 2014 ore 13:07 – Non si era allacciato abusivamente al contatore elettrico e non aveva rubato energia al gestore del servizio pubblico. Sono queste le conclusioni che hanno portato il giudice monocratico, Giancarlo Caruso, ad assolvere il ravanusano Alessandro Marchese Ragona. L’uomo, difeso dall’avvocato Salvatore Loggia di Ravanusa, era stato denunciato il 19 dicembre del 2011 dai carabinieri della locale stazione, che durante un controllo con gli ispettori del servizio elettrico, avevano rilevato anomalie nel contatore della sua abitazione in via Lazio, contestando al ravanusano il reato di furto di energia, con l’aggravante. In sostanza, durante il dibattimento, il difensore di Marchese Ragona è riuscito a dimostrare la completa estraneità ai fatti contestati al suo assistito, perché non è stato possibile appunto giungere alla prova concreta della responsabilità dell’uomo nell’allaccio abusivo alla rete elettrica. Il giudice Caruso, condividendo le tesi difensive, ha quindi assolto Alessandro Marchese Ragona, per non aver commesso il fatto. Nella fase del dibattimento quindi l’accusa non è stata supportata da prove anche se il Pubblico ministero, Roberto Gambina aveva chiesto la condanna.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti