Il direttivo di Servire Ravanusa “espelle” l’assessore Lombardo

gianfilippo lombardo assessore ravanusa giuseppe sortino servire ravanusaRavanusa, ore 8:22 – Frizioni nel movimento civico “Servire Ravanusa” dopo la decisione del consigliere Gianfilippo Lombardo di entrare nella giunta guidata dal sindaco Carmelo D’Angelo. Il direttivo del movimento ha votato all’unanimità l’espulsione di Lombardo. “Il motivo di tale azione risolutiva – spiega il presidente Peppe Sortino – condivisa e sostenuta anche dal direttivo nazionale del Partito Popolari Liberi e Forti, è da rintracciarsi nelle modalità che hanno portato a tale nomina, frutto di trattative tra lo stesso Lombardo e il sindaco delle quali il movimento era all’oscuro. “Servire Ravanusa” ha più volte dimostrato, anche alla presenza del neo assessore, la ferma volontà di non volere entrare in questa maggioranza, pertanto Filippo Lombardo, accettando la carica di assessore, si è di fatto tirato fuori dal movimento e dal suo orientamento politico. Sulla base di tali fatti, appare evidente e democraticamente urgente la necessità di rimuovere Lombardo dalla carica di capogruppo di un movimento che non si sente più rappresentato da esso. Invitiamo l’assessore a dimettersi dalla carica di consigliere comunale, per una questione di etica politica e di correttezza nei confronti di tutti quei cittadini che lo hanno votato sulla base dei principi e degli ideali politici del movimento, senza il quale non sarebbe di certo entrato in Consiglio Comunale, e che oggi si sentono traditi e delusi da un comportamento che guarda all’interesse individuale e non certo a quello del bene comune”. Lombardo non ha voluto replicare alle dichiarazioni di Sortino.