Il ricordo di Lillo Gattuso rivive nella sala consiliare del Comune di Ravanusa

RAVANUSA – Momenti di grande commozione, in municipio a Ravanusa, in occasione della cerimonia di intitolazione dell’aula consiliare all’ex consigliere Lillo Gattuso, scomparso il 28 gennaio 2015 a causa di una grave malattia. Alla presenza della moglie, Marilena Di Natale, dei figli Diego e Flavia, del padre e della madre (che non  ha trattenuto la propria commozione scoppiando in un pianto a dirotto), il sindaco Carmelo D’Angelo ed il presidente del Consiglio comunale, Vito Ciotta hanno scoperto la lapide che ricorda la figura di Gattuso, il quale ha ricoperto numerose cariche pubbliche tra cui anche quella di presidente del Consiglio comunale. Erano presenti tantissimi amici ed i compagni di partito, l’ex sindaco Armando Savarino e tutti i dipendenti comunali che hanno assistito alla cerimonia in religioso silenzio. E’ toccato al sindaco D’Angelo il compito più difficile, quello di aprire la cerimonia tracciando un ricordo di Lillo Gattuso, “Uomo delle istituzioni, sempre al servizio dei cittadini – ha detto il capo dell’amministrazione comunale – una persona disponibile che difficilmente sarà dimenticata. Perdonaci, Lillo, se è poco quello che stiamo facendo per te”. Evidente e palpabile la commozione del sindaco mentre parlava di Lillo Gattuso, tra i singhiozzi dei presenti e le lacrime agli occhi degli amici, dei familiari, di chi è stato alleato ed anche avversario politico di Gattuso. Il presidente del Consiglio comunale, Vito Ciotta è stato di poche parole: “Sono emozionato in questo giorno particolare – ha commentato Ciotta – in cui ricordiamo una persona che ha dato molto per questa città. Abbiamo condotto assieme tante battaglie, alcune le abbiamo vinte, altre le abbiamo perse, ma è stato bello lottare insieme nel nome delle istituzioni democratiche”. Lillo Gattuso ha ricoperto il ruolo di presidente del Consiglio comunale dal 1993 al 2000, di consigliere comunale dal 2000 al 2003 e dal 2013 fino alla data della sua morte, di consigliere provinciale dal 2003 al 2008 e di assessore comunale dal 2010 al 2013 con la giunta guidata da Armando Savarino. Quando è morto, il 28 gennaio del 2015 ricopriva la carica di consigliere comunale eletto con la lista Ravanusa nel cuore. Al suo posto, in Consiglio comunale è subentrato Carmelo Giarrana, primo dei non eletti. Il suo ultimo incarico lo aveva svolto a Palermo nella segreteria dell’onorevole Totò Cascio con Articolo 4 e poi a fianco dell’europarlamentare del Pd, Michela Giuffrida. L’anno scorso gli è stato diagnosticato un carcinoma che ha cercato di curare, ma purtroppo senza successo.

 

Lascia un Commento

Articoli recenti