rosario-miceli-15-2-11

La Dedalo interrompe il servizio di raccolta dei rifiuti

Canicattì, ore 18.30 Piove sul bagnato. La società Dedalo ambiente ha ricevuto una ingiunzione di pagamento di 224 mila euro oltre interesso da parte della ditta Capizziello, che ha in gestione il servizio di trasporto e smaltimento del percolato. Decisione che ha messo a rischio anche la manutenzione della discarica di contrada Bifara – Favarotta. Questo nuovo atto di precetto si aggiunge a quello della ditta Catanzaro, che gestisce la discarica di Siculiana, dove la Dedalo conferisce i rifiuti, che ha bloccato i conti correnti della società causando di fatto una paralisi delle attività. Non si possono pagare gli stipendi, non si possono onorare i debiti con i fornitori. Che in alcuni casi hanno già sospeso le forniture, come i gestori di impianti di carburante che non vogliono più far credito alla Dedalo ambiente. A questo si aggiunge che nel mese di settembre scade il termine per il pagamento dei premi di assicurazione Rcauto dei mezzi, che inevitabilmente non potranno circolare senza copertura assicurativa. Da qui la decisione del commissario della Dedalo, Rosario Miceli, di scrivere al Prefetto, alla Regione ed ai sindaci dei Comuni soci, per comunicare la sospensione o la riduzione del servizio. Miceli richiama alle proprie responsabilità il Comune di Licata, che secondo il commissario della Dedalo, per il 2012 ha maturato un debito nei confronti della società d’ambito di 3.374.727 euro. Il comune di Licata – scrive Miceli – non solo non ha provveduto ad onorare il pagamento, ma non ha nemmeno comunicato alcuna programmata intenzione a farlo. Per questo si chiede un intervento urgente, soprattutto del Comune di Licata che possa mettere la Dedalo ambiente – conclude Miceli nella lettera al Prefetto – nelle condizioni di poter assicurare gli impegni emergenti e prioritari che consentono una gestione minimale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *