Lampedusa, Inchiesta concessioni facili: 28 indagati

Lampedusa, ore 18.56 Il Procuratore aggiunto di Agrigento, Ignazio Fonzo, e il sostituto, Luca Sciarretta, non dubitano: a Lampedusa, l’ ex sindaco, Bernardino De Rubeis, avrebbe capitanato, insieme ad altri, un’ associazione per delinquere impegnata nel business delle tangenti edilizie. Ecco perche’ Fonzo e Sciarretta hanno firmato e notificato a 28 indagati l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, che e’ l’ anticamera della richiesta di rinvio a giudizio. I 28 entro 20 giorni presenteranno eventuali contro – deduzioni, dopodiche’ al Giudice per le udienze preliminari competera’ il verdetto del giudizio si’ o no. Le mazzette sarebbero state pagate per ottenere le licenze edilizie, spesso in violazione della normativa urbanistica e ambientale, e in conflitto di interessi. E poi, numerose autorizzazioni, anche in sanatoria. L’inchiesta comprende inoltre l’aggiudicazione di appalti con gare pubbliche e l’esecuzione di lavori nell’isola tramite i cantieri scuola, sotto la direzione dell’Ufficio tecnico del Comune. Tra i 28, oltre De Rubeis, vi sono Giuseppe Gabriele, ex capo dell’ Ufficio tecnico del Comune, e Gioacchino Giancone, responsabile del Suap, lo Sportello unico per le attivita’ produttive del Comune e consulente esterno dello stesso Comune di Lampedusa. E poi, anche i dirigenti dell’Ufficio tecnico, Giovanni Sorrentino e Pietro Gelo, l’architetto Alberto La Carrubba, componente della commissione edilizia, e gli imprenditori Carmelo D’Agostino e Francesco Cucina. I reati contestati, a vario titolo, sono associazione a delinquere, corruzione, falso, truffa, abuso di ufficio e abusivismo edilizio. Le indagini della Guardia di Finanza sono scattate a seguito di numerosi esposti contro presunte attivita’ illecite da parte di pubblici ufficiali del Comune, e, in particolare, Gabriele e Giancone. Le Fiamme gialle hanno acquisito le denuncie dei privati dai quali sarebbe stato preteso denaro in cambio delle concessioni edilizie. Poi, sopralluoghi, riscontri, sequestri di denaro, di immobili, e adesso l’ avviso di conclusione.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti