Luigi Gentile lascia Fli ed annuncia la nascita di un movimento autonomista

Agrigento, ore 19.20 L’ex parlamentare regionale Luigi Gentile ha deciso di abbandonare Futuro e Libertà e con esso tutte le cariche fin qui ricoperte all’interno del partito. Identica scelta è stata fatta da tutti coloro che, in provincia di Agrigento (consiglieri ed amministratori locali, dirigenti, e coordinatori cittadini), si sono da sempre riconosciuti nelle sue posizioni politiche.Gentile annuncia, inoltre, la nascita di un movimento a forte impronta autonomista, la cui ufficializzazione avverrà nei prossimi giorni. “Siamo usciti dal Pdl seguendo il progetto politico di Fli – dichiara Gentile – perché lo ritenevamo un partito accentratore e padronale. Abbiamo creduto in una nuova forma di confronto democratico che privilegiasse la base, il merito ed il ricambio generazionale. Purtroppo abbiamo constatato che, malgrado le buone intenzioni e le enunciazioni di principio, anche in Fli, i metodi e le strategie adottate non hanno tenuto conto dei valori portanti a cui si sarebbe dovuto fare costante riferimento. Ne è scaturito che la meritocrazia ed il confronto democratico sono stati surclassati dalle solite decisioni verticiste, senza che si tenesse in debita considerazione l’apporto, in termini di consensi e di radicamento sul territorio, da parte di chi, come il Fli della provincia agrigentina, ha dato al partito. Basti ricordare le consultazioni regionali dello scorso ottobre, quando la lista di Futuro e Libertà di Agrigento, ottenne la più alta percentuale di voti in Sicilia ed in Italia. Un dato che avrebbe dovuto avere un giusto riconoscimento da parte del vertice del partito, cosa che invece non c’è stata. Per tali motivi, unitamente ai tanti amici che mi sono stati e continuano ad essermi vicini, abbiamo deciso di uscire da Fli, senza dare adito a particolari polemiche, ma unicamente perché consideriamo chiusa la nostra esperienza in un soggetto politiche che a nostro parere, non è riuscito a centrare gli obiettivi che si era posto”.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti