Naro, Vertice della Cia in attesa dei buyers inglesi

cia naroNaro, ore 9:23 – Presso l’azienda agrituristica “Coscio di Badia” si è svolto un incontro organizzato dalla Cia (rappresentata dal responsabile zonale Calogero Licata e dal presidente Roberto Reas) con la Camera di Commercio di Agrigento (rappresentata dal consigliere d’amministrazione, Pippo Di Falco) al fine di portare a conoscenza delle aziende turistiche ed agroalimentari del progetto “Scouting e assistenza all’export”. Si tratta di un progetto che prevede l’incontro tra le aziende agricole del territorio e gli investitori economici del Regno Unito che si svolgerà dall’8 al 10 ottobre ad Agrigento. “Lo scopo principale – spiega Calogero Licata – era quello di informare gli interessati che volessero partecipare all’evento di presentare apposita istanza (tramite modulistica scaricabile dal sito ufficiale della Camera di Commercio) entro ed non oltre le 12 del 10 settembre prossimo, consegnandola direttamente alla sede della Camera di Commercio. All’incontro hanno dato adesione le seguenti aziende turistico – agroalimentari: Milbrut (Tito Brutto e Alessio Milazzo), Bagliesivinibio, Antonino Giglia, Giuseppe Camilleri, Fabio Platia, per i vini; Gianfranco Sandron, Rino Milazzo, Ignazio Iacona, Frantoio Sant’Agostino e Calogero Salvaggio per l’olio. Giovanni Costanza produttore cerealicolo. Giovanni Gallo, Rosario Arrigo, Vito Gatì per il settore caseario. Ed ancora Bioalmont di Gaetano Iacona e fratelli Morgante per quanto riguarda la produzione di elicicoltura. Fratelli Di Lauria Gino e Lillo ed la cooperativa “Libera terra” rappresentata per l’occasione da Cosimo Celauro e Pippo Pitarressi entrambi come produttori di miele. Inoltre, erano presenti i produttori d’uva Italia Calogero Bonanno, Giovanni Scaccia, Alfonso Cummo in rappresentanza della Cooperativa Op “ I frutti della Valle dei templi” e l’agronomo Vincenzo Di Piazza neo presidente dell’importante marchio “ Igp uva da tavola Canicattì”. Roberto Reas in rappresentanza dell’azienda “ Coscio di Badia” e Gabriele Terranova, anche lui in rappresentanza dell’omonima azienda agrituristica. Presenti anche i tecnici: Maurizio Baldacchino, Giada Manzone, il biologo Gaetano Cammilleri dell’Istituto Zooprofilattico di Palermo e l’agronomo Vito Gatì. Dall’incontro è saltata fuori l’esigenza di essere informati più spesso dell’iniziative della Camera di Commercio ed in generale su tutto quello che gira a livello di informazione agroalimentare. “E’ importante riuscire a costituire un “paniere” di prodotti agroalimentari tipici di questo territorio, per potersi meglio rapportare oggi con i Buyers londinesi e diventare punto di riferimento per un mercato di nicchia e qualità, quale potrebbe essere il nostro comprensorio – dice Tito Brutto”. Invito che viene accolto da Pippo Di Falco nella doppia veste di funzionario della Camera di Commercio di Agrigento e da dirigente provinciale della Cia. Dalla politica, nella persona dell’avvocato Francesco Riolo consigliere comunale del Pd, presente all’incontro che si impegna a verificare quanto sia percorribile la strada delle Denominazioni Comunali (De.Co.) o qualcosa di simile, che in ogni caso meglio rappresenti il nostro territorio comunale o meglio ancora l’intera “Comarca” di Naro.

Lascia un Commento

Articoli recenti