Nuova giunta alla Provincia: escono in 4

Agrigento, ore 19.58 E’ durata appena una settimana la “vacatio” della giunta alla Provincia. Sette giorni, da lunedì a lunedì, che sono serviti al presidente Eugenio D’Orsi per riordinare le idee, per riflettere e scegliersi gli ultimi collaboratori prima che scada il suo mandato elettorale e si chiuda la Provincia. Stamattina il capo della Provincia ha fatto annunciare dall’ufficio stampa una conferenza stampa per le 11 per illustrare il nuovo assetto di giunta. Che di nuovo ha ben poco. Infatti, rispetto all’esecutivo “azzerato” lo scorso 8 aprile, su 8 assessori ce ne sono 6 riconfermati e due nuovi. Un team, quindi, composto da 8 assessori, a cui se ne aggiungeranno tra domani e dopodomani altri due. I due nuovi assessori sono Fabiola Mazzarella, in quota Fratelli d’Italia e Salvatore Volpe, di Licata che è stato indicato dal Mpa.  Gli assessori riconfermati sono invece: Francescochristian Schembri, Salvatore Scozzari, Piero Marchetta, Salvatore Giovanni Sciumè, Pietro Gioacchino Asaro ed Alfonso  Montana. Un errore di battitura del comunicato della Provincia aveva indicato tra i riconfermati Vito Terrana e non Salvatore Sciumè, errore prontamente rimediato con una rettifica. Ieri hanno prestato giuramento 7 degli 8 nominati, perché non era presente Piero Marchetta, per motivi familiari. Quindi non sono stati riconfermati il campobellese Vito Terrana che aveva l’assessorato Lavori pubblici e rapporti con gli enti, Angelo Biondi titolare dell’assessorato Turismo, Aeroporto, Politiche comunitarie e rapporti con il Consiglio provinciale e Salvatore Vella con delega alla Solidarietà sociale. Due di questi potrebbero però rientrare in giunta. Già da oggi, o al massimo domami, come ha annunciato lo stesso presidente D’Orsi, la giunta sarà allargata a 10 componenti. Gli altri due pronti a rientrare sarebbero Vito Terrana e Salvatore Vella, mentre la nomina di Volpe da parte del Mpa di Licata, rappresentato dall’ex sindaco Titta Platamone, referente politico dell’onorevole Roberto Di Mauro nella città marinara, indica che per Angelo Biondi è finita l’esperienza amministrativa alla Provincia. Esce di scena anche l’assessore Valentina Palumbo, 46 anni di Grotte, che tra i 50 componenti nominati da D’Orsi in questi ultimi 5 anni, sarà ricordata come l’assessore più veloce della storia della politica agrigentina. Il suo mandato è durato 6 giorni, week end compreso. La mancata riconferma di Palumbo è stata discussa durante una riunione che ieri sera si è svolta con il referente politico Peppe Arnone, del movimento Democratici autonomisti. Movimento che adesso esprime un solo assessore, Totò Sciumè. Entra in giunta la componente di Fratelli d’Italia con Fabiola Mazzarella, 29 anni il prossimo mese di agosto, una dei volti più giovani dell’esecutivo provinciale, indicata da Lillo Pisano e dal partito di Giorgia Meloni. Il resto è tutto Mpa – Lealisti. Il Movimento per l’autonomia ne ha tre di assessori: Piero Marchetta, Totò Scozzari e Salvatore Volpe, altri tre sono lealisti, cioè legati direttamente ad una chiamata personale del presidente D’Orsi. Sono: Pietro Asaro, Francesco Schembri ed Alfonso Montana. Se Terrana e Vella rientreranno, la quota resterà invariata, perché andranno a rafforzare sia l’Mpa che la componente dei Lealisti del presidente. Ma potrebbero esserci altre sorprese.

[nggallery id=204]

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti