Piero torna a Naro dopo Sanremo: una tappa veloce e nuova partenza per Dubai

i naresi hanno seguito la diretta di sanremo (2)Naro, 17 febbraio 2015 ore 7:35 – E’ tornato a casa, Piero Barone, il giovanissimo tenore componente del trio “Il Volo” che con il brano “Grande amore” ha vinto la 65esima edizione del festival di Sanremo. Piero, prima di ripartire per Dubai dove è previsto un concerto, ha fatto tappa nella sua Naro per salutare il nonno, Pietro Ognibene, il suo mentore, il suo talent scout. Quello che lo ha scoperto e che lo ha spinto sul palcoscenico. Il vincitore del festival della canzone italiana ieri è rimasto rintanato in casa, in via Verdessa, nel quartiere di Sant’Erasmo nel cuore del centro storico della cittadina barocca dell’Agrigentino, dove vive con la sua famiglia, quando non è in tournee. Sono andati a trovarlo il sindaco, Lillo Cremona e qualche amico intimo. Nessun bagno di folla, nessuna passeggiata in centro, come è solito fare Piero quando torna nel suo paese. Tanta discrezione. Una breve permanenza a casa per abbracciare il padre, Gaetano, che svolge la professione di carrozziere, la madre Eleonora Ognibene, casalinga. Ma anche per salutare il fratello maggiore Francesco, il primogenito 23 e la sorella più piccola, Maria Grazia oggi sedicenne. “Sono felice per il successo del Volo – ha detto la madre di Piero Barone, Eleonora Ognibene. Arrivare primi battendo la concorrenza di cantanti di fama e con 18 brani stupendi in concorso è sicuramente qualcosa di inaspettato. Io sono la mamma di Piero e mio figlio continua ad essere il ragazzo di sempre: quello che quando torna a casa si rifà il letto da solo e mi aiuta. Questo è mio figlio”. Emozionato il nonno di Piero, Pietro Ognibene: “Il mio sogno – dice – era quello di salire sul palco dell’Ariston, mio nipote addirittura ha vinto il festival della canzone italiana. Oggi – conclude Ignazio Ognibene – è il giorno più bello della mia vita. Quello che non dimenticherò mai”. “Piero Barone è l’orgoglio di Naro, il nostro ambasciatore nel mondo – dice il sindaco Lillo Cremona. Solo un complimento al trio “Il Volo”: bravi”. A Naro è stato costituito il fanclub “Narofanpage” per il decollo de “Il Volo” da: Wendalina Licata, Tiziana Iacona, Alessia Bruccoleri, Maria Trupia che sono state vicinissime alla madre di Piero. Uno striscione è stato sistemato accanto all’abitazione di Piero nei pressi della chiesa di Sant’Erasmo. La finale del festival è stata seguita in un locale pubblico da circa 200 persone. Soddisfatti i componenti del fan club: “Sapete perché Piero è amato senza limiti? – dice Wendalina Licata. Perché è rimasto umile come quando aveva 5 anni, quando faceva il chierichetto, ed è in chiesa che inizia il canto con l’Ave Maria”. “Per noi è stata una serata ricca di emozioni. Ero sicura – aggiunge Alessia Bruccoleri – che il Volo avrebbe vinto. La mia certezza eravamo dovuta dall’emozione che provavo ogni volta che li sentivo cantare”. “Una Sicialinità – dice Tiziana Iacona – che non è voluta scendere dal podio. I vincitori i nostri vincitori che evidentemente hanno dato fastidio a qualcuno”. Infine Giovanni Nigro, fisioterapista di Campobello che conclude: “Abbiamo coinvolto l’intera collettività che si è lasciata trascinare con entusiasmo. Non contiamo più il numero di telefonate e di messaggi ricevuti per condividere la vittoria al Festival di Sanremo”.