consiglio provinciale seduta bilancio

Provincia, Si riunisce il Consiglio per discutere il Bilancio

Agrigento, ore 17.14 Torna a riunirsi il 31 luglio il Consiglio provinciale. All’ordine del giorno il Piano triennale delle Opere Pubbliche, il piano delle alienazioni e della valorizzazione dei beni provinciali insieme al Bilancio di previsione. I lavori inizieranno nell’Aula Silvia Pellegrino alle 19. L’ordine del giorno prevede anche la discussione della proposta del settore infrastrutture stradali riguardante il riconoscimento di un debito fuori bilancio a seguito dell’adozione del progetto dei lavori di costruzione della strada intercomunale Cammarata – Castronovo di Sicilia e la relazione del presidente della Provincia Regionale di Agrigento sull’attività svolta dagli esperti nell’anno 2011. Infine saranno discusse la mozione del  consigliere Mario Lazzano sull’aumento della Rc Auto e quello del Consigliere Scozzari sulle tariffe. Il bilancio di previsione 2012 prevede entrate e uscite per 140.940.598 euro. Le entrate sono costituite da: entrate tributarie (25.550.000 euro), trasferimenti da altri enti (17.829.106 euro), entrate extratributarie (2.124.892 euro), entrate derivanti da trasferimenti di capitale (95.228.218 euro) ed avanzo di amministrazione utilizzato (208.382 euro). Le uscite prevedono: spese correnti (44.373.370 euro), spese per investimenti (95.469.829 euro), spese per rimborso prestiti (1.097.399 euro). Gli investimenti previsti riguardano prevalentemente gli interventi sulla viabilità interna, le infrastrutture stradali e l’edilizia scolastica provinciale. Il nuovo bilancio dovrà tenere della riduzione prevista dal Governo Nazionale a seguito dell’approvazione della Spendig Review”. Venticinque gli emendamenti presentati al bilancio di previsione 2012 da parte dei consiglieri provinciali, tra cui quello sull’aumento delle ore ai precari dell’Ente proposto dal Presidente Buscemi e sottoscritto da più di 18 consiglieri ed altri su svariati argomenti. Quattro invece gli emendamenti al piano triennale delle opere pubbliche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *