Ravanusa, Agricoltori chiedono l’acqua della diga Gibbesi per irrigare i terreni

diga gibbesiRAVANUSA. Parte da un gruppo di agricoltori ravanusani, coordinati dalla sindacalista Maria Rosaria Coletti, la richiesta alla Regione Siciliana di poter usufruire dell’acqua invasata nella diga Gibbesi per l’irrigazione dei terreni. Domani a Palermo, nei locali dell’assessorato all’agricoltura, è previsto un vertice, al quale è stato invitato il commissario straordinario per i consorzi di Bonifica della Sicilia Occidentale, Fabrizio Viola ed il rappresentante del consorzio di bonifica “Gela 5”, Vincenzo Caruso. “Riceviamo continue sollecitazioni – dice la sindacalista Maria Rosaria Coletti – e richieste di intervento sull’annosa problematica legata all’irrigazione dei campi. Terreni che a queste latitudini riescono ad esprimere (con non pochi sacrifici degli agricoltori e degli imprenditori agricoli) prodotti di eccellenza che vengono piazzati anche nei mercati europeo. Tra le tante problematiche che si devono affrontare – aggiunge l’esperta – c’è quella delle irrigeziooni che specialmente nel periodo primaverile – estivo, rendono onerosa la produzione agricola con mancanza di competitività. La nostra organizzazione di categoria già da qualche anno segue da vicino le vicende legate all’agricoltura locale. Non si può fare a meno di ricordare l’impegno profuso dal Consorzio di bonifica e dal suo commissario unico nel portare al funzionamento sperimentale l’irrigazione dal Gibbesi per le zone immediatamente a valle della Diga, nonché del bando di gara per la progettazione della condotta che consentirà finalmente di irrigare molti terreni dei vari Comuni. Proprio per questo – conclude Maria Rosaria Coletti – si chiede un ulteriore sforzo per far si che si possano ripristinare altre opere già realizzate e mai entrate in funzione, nell’ottica di un miglioramento delle condizioni in cui operano gli imprenditori agricoli della nostra zona”.

Lascia un Commento

Articoli recenti