Ravanusa, Il Megafono spinge Crocetta ad andare avanti

ezio lauricella e crocettaRavanusa, ore 18.43 A seguito dell’incontro tra le delegazioni del “Megafono” e il presidente della Regione, Rosario Crocetta, i componenti del coordinamento di Ravanusa:  Ezio Lauricella, segretario, Giacomo Vivacqua, capogruppo, Rocco Carlisi, Gero Gattuso, Danila Argirò e Franco Argirò hanno raccolto le indicazioni impartite dal governatore sulla necessità di “organizzare, studiare e progettare in maniera dinamica il movimento, cresciuto molto in fretta”, secondo la definizione data dallo stesso. “Non va abbandonata l’idea di rimanere un movimento – ha detto Ezio Lauricella – basato sulla sostanziale autonomia dei circoli. Nato dalla base, lontano da una gestione autoritaria,  “Il megafono” intende rappresentare le istanze che provengono dal territorio. Nel progetto che tutti insieme pensiamo per Ravanusa rimangono capisaldi imprescindibili la partecipazione di giovani, operai, disoccupati, imprenditori puliti e della gente onesta. Siamo consapevoli che dobbiamo lavorare in direzione di una cultura della politica che non va delegata a nessuno”. Fortemente consci del ruolo incisivo che svolge il Presidente Crocetta, in direzione di un cambiamento sostanziale della Sicilia, i giovani appartenenti al Movimento hanno portato all’attenzione del Presidente la situazione di Ravanusa. “Intendiamo lavorare intorno ad un progetto di riproposizione della cittadina, intorno a valori di partecipazione e condivisione. Ravanusa dovrebbe diventare una terra di produzione, ma siamo anche consapevoli del fatto che la politica ha messo a segno funzioni clientelari, contro le quali si dovrebbero avviare progetti non assistenziali, ma che prevedono lavoro e produzione: artigianato, agricoltura, beni culturali e turismo. I consiglieri comunali de Il Megafono – ha concluso Lauricella – si spenderanno per la legalità e lo sviluppo. Bisogna voltare le spalle all’improvvisazione e puntare su una chiara divisione dei compiti, attraverso lo studio delle migliori esperienze, in modo da accumulare e poi spendere abilità”.

I Commenti sono chiusi

Articoli recenti