Ravanusa, Tavola rotonda su crisi e giovani nel decennale della Fondazione Sammartino

Ravanusa, ore 9:00 Un convegno sul tema “L’attuale crisi e i giovani del nostro territorio” per celebrare il decennale dell’apertura della sede di Ravanusa della Fondazione “Maria Teresa Sammartino”. Si terrà oggi con inizio alle 17,30 nei locali della biblioteca comunale di Ravanusa. Sono previsti gli interventi del presidente della Fondazione, Salvatore Sammartino, papà di Maria Teresa, del coordinatore della sede ravanusana, Francesco Provenzano, ed ancora di don Saverio Catanzaro, arciprete di Menfi che nel 2002, quando è stata inaugurata l’associazione a Ravanusa era arciprete della città. Ci sarà anche l’attuale arciprete don Nenè Casola, mentre gli interventi finali saranno a cura di Ina Siviglia Sammartino, teologa e madre di Maria Teresa. I lavori saranno coordinati e moderati dal giornalista Vincenzo Morgante che dirige la sede regionale della Rai in Sicilia. Per Morgante si tratta di un ritorno, visto che la conferenza inaugurale, 10 anni fa, della Fondazione, aveva visto la sua presenza assieme a quella dell’arcivescovo Carmelo Ferraro, Il convegno aveva come titolo “Dal disagio dei giovani alla costruzione della speranza: una proposta di impegno per Ravanusa”. Insomma i giovani al centro della discussione di 10 anni fa, ancora i giovani oggi, con la crisi e le opportunità del territorio, perché sono proprio gli adolescenti, i ragazzi, i principali fruitori della fondazione. La sede dell’associazione si trova presso l’ex istituto delle suore salesiane. I volontari svolgono attività di laboratorio a favore dei giovani che a fine anno vengono portate “in piazza”, nel “Foundation’s Day, che si svolge da 10 anni a questa parte. “Una incredibile e profonda esperienza umana – la definisce il coordinatore della sede di Ravanusa della Fondazione Sammartino, il preside Francesco Provenzano – che ha coinvolto in questi 10 anni centinaia di giovani della città, che hanno ricevuto consigli, suggerimenti, sollecitazioni e proposte formative”.

Lascia un Commento

Articoli recenti